Sanità, strutture private in apnea

on . Postato in Ambiente e Sanità

DI SEGUITO LA NOTA STAMPA DELL'ORDINE DEI MEDICI-CHIRURGHI ED ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA:

Le strutture private convenzionate rappresentano tutt’altro che una palla al piede per il sistema sanitario nazionale, garantendo un supporto fatto, in termini numerici, da circa 40 mila ricoveri e 20 mila interventi chirurgici ed anche in una regione come la Calabria sottoposta al giogo del piano di rientro svolgono un ruolo fondamentale per il mantenimento di livelli minimi ed essenziali di assistenza.

Locri, vittoria di Pirro per Sainato nella città dei cinque candidati

on . Postato in Politica

di Gianluca Albanese (ph. Enzo Lacopo)

LOCRI – Una guerra tra poveri senza vincitori né vinti. La Locri dei cinque candidati non ha espresso alcun consigliere regionale, e alla fine il computo dei singoli voti di preferenza riesce ad esprimere – forse - solo i rapporti di forza interni al panorama cittadino e capire cosa sia mancato per dare qualche moto di speranza in più a chi avrebbe preferito avere a palazzo Campanella il candidato della porta accanto.

Lettera a Mario Oliverio

on . Postato in Politica

di Gianluca Albanese (ph. Enzo Lacopo)

Caro presidente, innanzitutto complimenti. Come era nelle previsioni, non hai vinto. Hai stravinto. Proprio come Loiero nel 2005 e Scopelliti nel 2010, anche se non ha votato quasi nessuno.

Locride al voto, lettera di un cittadino disilluso

on . Postato in Politica

di Luca Marturano

GERACE - Abbiamo assistito in questi mesi a una campagna elettorale confusa. La Locride con i suoi innumerovoli candidati, perderà un'occasione per essere rappresentata, per essere portatrice di interessi  diffusi e non particolari.

Locri, quell'auto "ingombrante" della candidata pentastellata

on . Postato in Politica

di Gianluca Albanese

LOCRI - Quell'auto blu parcheggiata nella centralissima via Matteotti, a pochi metri dal plesso "Maresca-Ferraris", che ospita la maggior parte delle sezioni elettorali a Locri, non poteva passare inosservata. Sarà per quei vistosi adesivi rotondi in cui campeggia il volto di una candidata al consiglio regionale.

Epize-Fiera, l'avventura continua

on . Postato in In primo piano

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

 

SIDERNO - Gli organizzatori di Epizefiera, l'artista Bruno Gelonesi,  Sonia Lombardo, Resp. Unsic della Locride, l'imprenditore Claudio Vitetta e il presidente della proloco di Siderno, Agostino Santacroce, continuano a percorrere i sentieri tracciati nel corso dei dibattiti del 21/22 agosto passato, da cui sono emersi spunti interessanti sulle strategie di sviluppo per le imprese locali e su possibili sbocchi occupazionali.

Siderno, domenica 30 novembre incontro in memoria degli "Angeli della Locride"

on . Postato in In primo piano

di Redazione

SIDERNO- A due settimane dal tragico evento che ha sconvolto migliaia di persone (in Calabria e fuori dai confini regionali), è stato organizzato per domenica prossima 30 novembre alle ore 17 presso il Salone parrocchiale della Chiesa Santa Maria di Portosalvo di Siderno, un incontro  in memoria degli Angeli della Locride, dal titolo "La morte si celebra con la vita...".

Roccella, va ad Alvaro il derby dei "portatori d'acqua" ai candidati reggini

on . Postato in Politica

di Gianluca Albanese

ROCCELLA IONICA – La stracittadina la vince “Bebo”, che stacca Vincenzo di 156 voti, a casa sua. Il dato delle urne di Roccella Ionica offre un paese spaccato in due, con i maggiori consensi divisi tra i due candidati locali, la cui estrazione politica è da ricondurre all’attuale maggioranza amministrativa, ma anche qui è una guerra tra poveri senza risultati e vincitori. Solo con vinti.

Digem ribalta passivo e batte Costa Viola 3-2

on . Postato in Sport

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

La vittoria che non ti aspetti è frutto di quel carattere che osa ribaltare un passivo di due set a zero. Quel carattere è stato messo in campo dalle ragazze di Carrozza, mister che quando rischia trova la quadratura giusta e la degna formazione a contrastare una grande squadra: il Costa Viola. Le giocatrici di Santacaterina sono uscite dal campo amareggiate, perché la loro è stata una gara condotta con minuziosa attenzione nei recuperi e in difesa, con pochissimi errori in battuta o a rete, esaltante in diversi momenti. Stavolta però ha trovato una Digem che non si è accontentata del punto conquistato pareggiando i set ma ha voluto spopolare anche nel tie break. 

Siderno, la lezione di Panetta al direttivo del Pd

on . Postato in Politica

di Gianluca Albanese (ph. Enzo Lacopo)

SIDERNO – “La gauche c’est moi”, ovvero “La sinistra sono io”. Mimmo Panetta lo può ancora dire. Oggi più che mai nella sua Siderno. Ancora è presto per parlare di assegnazione di seggi e il dato complessivo a livello regionale non è ancora definitivo, ma quanto accaduto ieri a Siderno dimostra come l’ex sindaco sia ancora il più forte elettoralmente. Più forte dell’astensionismo dilagante, più forte delle segreterie degli altri partiti, più forte di tutti.

Regionali, nella provincia di Reggio l'affluenza maggiore di tutta la regione, ma il calo è vistoso rispetto al 2010

on . Postato in Politica

di Gianluca Albanese

SIDERNO - Il dato definitivo di affluenza alle urne dopo la chiusura dei seggi c'è. Si attesta al 39,91% su scala nazionale, e sebbene il dato calabrese sia leggermente superiore, spicca comunque il calo vertiginoso, col dato della provincia di Reggio Calabria che si ferma al 44,62%, di poco superiore rispetto alle altre province. Il dato della città di Locri, che ha presentato cinque candidati, si attesta attorno al 52%, molto superiore alla media.

"Spartenza", la passione, il peccato, il destino: l’album d’esordio di Francesco Sicari

on . Postato in Musica

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

S’intitola “Spartenza” l’album d’esordio di Francesco Sicari in uscita a dicembre. Un debutto che, sin dall’anteprima del mese scorso con il singolo omonimo, segna la nascita di un originale progetto musicale in cui la poetica popolare è accompagnata da musiche che riprendono il solco della tradizione per aprirsi al pop elegante, intriso di coinvolgenti contaminazioni rock.

Lo Sporting Locri in campo contro la violenza sulle donne

on . Postato in Sport

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Lo Sporting Locri calcio a 5 femminile ricorda la giornata del 25 Novembre, giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne, presentando la mostra fotografica "QUESTA PARTITA LA VINCIAMO.# NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE", con la collaborazione di "Studio Fotografico Cinzia Lombardo" di Gioiosa Ionica e il salone "L'Angolo della Bellezza" Locri.

L'angolo acuto

MARIA GRAZIA LAGANA' E IL BEL TACER CHE NON FU MAI SCRITTO

«Non bisogna cedere al populismo di chi dice che i dipendenti ospedalieri sono imboscati: tutti i lavoratori del nostro ospedale sono persone serie e corrette e che spesso si sobbarcano dei doppi turni pur di fare il proprio dovere».

E' uno stralcio dell'intervento alla manifestazione di protesta di amministratori, sindacati e addetti ai lavori a tutela dell'ospedale di Locri, di Maria Grazia Laganà, una condanna in primo grado a due anni di reclusione (con sospensione della pena) per tentata truffa ai danni dell'allora Asl di Locri, falso e abuso.

La stessa Maria Grazia Laganà che, come ricorda un articolo del 2012 a firma dell'ottimo Pasquale Violi sul "Quotidiano della Calabria", dal febbraio del 2011 all'ottobre del 2012, mentre era in aspettativa dal suo posto di dirigente medico dell'ospedale di Locri (perché eletta nel 2008 parlamentare della Repubblica nelle liste del Pd) percepì ugualmente - a sua insaputa ? - oltre 4mila euro al mese di stipendio, come se avesse lavorato all'ospedale. 

Massimo rispetto per i dipendenti ospedalieri onesti che, per fortuna, sono la maggioranza, ma mai come in questo caso..."Un bel tacer non fu mai scritto". 

DIRITTO DI REPLICA AI SENSI DELLA LEGGE SULLA STAMPA:

L’angolo acuto, mi si conceda una battuta, in questo caso si è rivelato… ottuso.
Mi chiedo infatti che bisogno ci sia di mettere in atto una sistematica opera di delegittimazione della mia persona, anche a fronte dell’impegno comune che la politica ha intrapreso a tutela di un diritto di tutti i cittadini, quello alla salute, e di un bene collettivo come l’ospedale di Locri.
Delegittimazione che peraltro non ha sortito alcun effetto, dal momento che sono ben felice che i nostri concittadini hanno apprezzato la posizione che ho assunto sull’ospedale.
Se questa volta ho deciso di rispondere, è per ripristinare la verità sostanziale delle cose che un giornalista non può non conoscere: professionalmente e deontologicamente lo considero grave.
Per quanto riguarda la mia condanna in primo grado, mi sono difesa nel processo e non dal processo e pur rispettando la Magistratura e la sentenza, rivendico la mia innocenza e questo mi consente di camminare a pesta alta.
Voglio ricordare ai supercampioni dell’etica parolaia che io, un minuto dopo la mia condanna, ho deciso da sola di fare un passo indietro pur non rientrando nell’ambito di applicazione della legge Severino che all’epoca neanche esisteva.
Peraltro, non credo che questa vicenda possa impedirmi di esprimere una mia opinione sull’ospedale. Fino a prova del contrario, anche io sono una cittadina di questo Paese e anche io ho diritto a manifestare liberamente il mio pensiero, così come stabilisce la Costituzione. Oppure i diritti costituzionali esistono per alcuni e per altri no? E, ancora, si è garantisti con gli amici e giustizialisti con i “nemici”?
Mi chiedo come mai il giornalista che ha scritto l’articolo abbia riportato tante imprecisioni: francamente spero solo si tratti di disinformazione (e questo già ritengo sia grave per chi esercita tale professione) e non di malafede. A meno che non ci sia stata l'ispirazione di terze persone, di suggeritori occulti che però alla fine non ne rispondono né in sede penale, né in sede civile.
E’ notorio che sia stata io a segnalare l’anomalia del versamento dello stipendio dell’Asp durante il mio mandato parlamentare, nonostante la mia tempestiva richiesta di aspettativa; è altrettanto notorio che abbia restituito le somme erroneamente versate; e infine, la somma in questione è inferiore a quella indicata dal giornalista, evidentemente disinformato.
In tutti questi anni ho subito attacchi e aggressioni mediatiche gratuite. Ho taciuto per rispetto delle Istituzioni e della magistratura. Ma non posso accettare di essere insultata sine die e di subire ingiuste lesioni della mia onorabilità. È per questo che stavolta ho deciso di chiedere una rettifica, che sarà la prima e l’ultima, perché in futuro un confronto di questo tipo avverrà solo nelle sedi competenti. Per quanto mi riguarda, è una certezza.
Maria Grazia Laganà Fortugno

Fin qui la lettera dell'ex parlamentare Maria Grazia Laganà che abbiamo pubblicato integralmente. Ovviamente, la nostra storia personale e la nostra condotta quotidiana possono bastare a tranquillizzarla: non ci sono "terzi" che avrebbero "ispirato" la nostra nota pubblicata ieri, e chi ha la bontà di leggerci ogni giorno sa che di fronte ai fatti non guardiamo in faccia nessuno, e non esistono amici e nemici. Perché i fatti sono ostinati e quelli che mancavano nel nostro articolo sono stati riportati nella lettera della signora Laganà che, lo ripetiamo, abbiamo pubblicato integralmente. Siamo giornalisti, non ghost-writer e, quando e se sbagliamo, non sbagliamo mai in conto terzi.

Stentiamo, infine, a intravedere, nel nostro articolo qualsivoglia intento e o contenuto offensivo nei confronti della signora Laganà. Semmai, esso trae linfa dall'articolo 21 di quella Costituzione Italiana più volte richiamata nella sua lunga replica. (Gianluca Albanese)