Home Costume e Società CAULONIA CANTIERE DEL SUONO Sabato 3 dicembre inaugurazione del simbolo artistico del...

CAULONIA CANTIERE DEL SUONO Sabato 3 dicembre inaugurazione del simbolo artistico del progetto

43
0

R. & P.

Nel borgo di Caulonia, in fase di restyling grazie all’importante finanziamento regionale “Borghi ed Ospitalità” –Progetto strategico per la valorizzazione dei borghi della Calabria e del potenziamento dell’offerta turistica e culturale, sabato 3 dicembre a chiusura dell’intervento culturale, verrà inaugurato il simbolo del progetto ed a seguire un raffinato concerto di musica all’Auditorium Casa della Pace A. Frammartino.

A conclusione del progetto culturale “Caulonia Cantiere del Suono” l’Amministrazione comunale di Caulonia ed il direttore artistico M° Marco Berrini, procederanno, alle ore 17:00, nello slargo di Via Vincenzo Niutta all’installazione ed inaugurazione del simbolo artistico del progetto.

L’elemento di arredo, d’ispirazione musicale, sarà collocato al centro del borgo a testimonianza dell’importanza che la Città riserva alla musica e che riconosce quale elemento identitario.

Il simbolo ricorderà, altresì, il lungo ed intenso percorso di attività di studio, formazione e di eventi che hanno composto il progetto, animando e caratterizzando il borgo di Caulonia per oltre otto mesi.

A seguire, in Auditorium A. Frammartino, alle ore 21:00, sarà la musica la vera protagonista con l’esibizione del M. Marco Berrini al pianoforte, il giovane soprano Luisa Umbaca e l’orchestra di violoncelli “Sfracellos” diretta dal M. Giovanni Curinga.

Cantiere del Suono ha ospitato le migliori espressioni musicali, spaziando dal canto e ballo tradizionale al canto religioso; dal gospel al canto lirico, dagli strumenti popolari ai classici strumenti a fiato, dai laboratori di coro al canto con il corpo, dalle percussioni alla messa in scena di un’operina musicale “Il Grande Gigante” diretta dal M. Berrini, che ha visto il coinvolgimento di oltre 40 tra cantori e musicisti provenienti dalle diverse regioni italiane.

Venti campus/laboratori con docenti provenienti da tutta Italia hanno coinvolto tanti corsisti (musicisti, appassionati di musica, studenti delle scuole superiori e semplici curiosi) e, soprattutto, hanno consentito di conoscere e vivere il borgo, apprezzandone bellezza ed ospitalità.

Il direttore artistico ha inteso, a chiusura di questo grande incubatore di corsi ed eventi, valorizzare e dare riconoscimento alla voce, ai migliori campus offrendo un bel momento di musica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui