Home Mondo animale Dacci una zampa Locri: smarrito gatto in via Foggia. L’appello dell’addetta stampa Oipa Bonavita

Locri: smarrito gatto in via Foggia. L’appello dell’addetta stampa Oipa Bonavita

322
0

di Simona Ansani

LOCRI – Lui si chiama Cuoricino, ed è un bel gattone che purtroppo si pensa sia scappato inavvertitamente da casa qualche giorno fa, dopo essere stato adottato da una famiglia del posto. Da allora non si sa più nulla, ed oggi l’addetta stampa Oipa Marilene Bonavita, che ha avviato le ricerche, fa un appello affinché chiunque lo riconosca possa contattare le autorità e la stessa responsabile. Il gatto al momento della scomparsa si trovava presso l’abitazione sita in via Foggia.

L’addetta stampa Oipa, Marilene Bonavita, ha stilato anche un vademecum su come comportarsi in caso di scomparsa di un animale domestico e quali sono i consigli utili per ritrovare un micio smarrito. Ecco nel dettaglio come comportarsi:

  • Uscite a cercarlo soprattutto verso sera o la mattina molto presto, quando tutto è più tranquillo (nella confusione i gatti restano nascosti); durante le ricerche chiamatelo e agitate la scatola delle crocchette.
  • Cercate nei posti “tanosi”: cespugli, nicchie, sottoscala… Al buio, aiutatevi con una torcia ben luminosa a fascio lungo, per scandagliare ogni angolo, sia in basso che in alto che sugli alberi (può essere salito su un albero senza riuscire a scendere), sempre chiamandolo con voce tranquilla.
  • Controllate bene sotto alle automobili parcheggiate; a volte i mici si accucciano anche sopra alle ruote, nella stretta intercapedine tra la ruota e la carrozzeria.
  • Controllate box, cantine e soffitte, dove può essere rimasto chiuso per sbaglio: chiedete ai vicini di verificare.
  • Se il micio non era abituato ad uscire, sarà rimasto nei paraggi: è difficile che i gatti si allontanino in un territorio che non conoscono. Se è molto spaventato o ferito, può darsi che rimanga nascosto anche se sente le vostre voci: cercate bene. Mantenete sempre un tono calmo e tranquillo, per non aumentare il suo stato di agitazione.
    Se il gatto usciva abitualmente, bisogna considerare un raggio di ricerche più ampio fin da subito.
  • Pubblicate un annuncio sulle pagine facebook della vostra zona, tipo “Sei di xxx se…”, ” e simili, chiedendo condivisioni.
  • Ricordatevi che tutti gli aggiornamenti importanti (avvistamenti o ritrovamento) vanno inseriti variando il testo del post originario, perchè i commenti non sono visibili da chi legge le condivisioni.
  • Monitorate quotidianamente le pagine degli smarrimenti, per verificare se ci sono stati avvistamenti o ritrovamenti di gatti che potrebbero essere il vostro.
  • Se avete una pagina facebook personale, mettete anche lì l’annuncio, tenendolo sempre in evidenza in cima alla pagina e verificando nelle impostazioni di privacy che sia leggibile da tutti.
  • Sull’ANNUNCIO/VOLANTINI, oltre alla foto e al nome del gatto, indicate il LUOGO PRECISO (città o paese, via e possibilmente numero, o almeno a che altezza) e LA DATA (e se possibile ora) della sparizione, e un RECAPITO TELEFONICO.
    Inoltre precisate se il gatto è sterilizzato, se ha il microchip, indicate la sua età, e aggiungete qualunque informazione utile (es. se è socievole o diffidente, se era abituato ad uscire o meno, segni particolari, stato di salute, ecc).
  • Mettete volantini in tutta la zona, comprese cassette delle lettere dei vicini non contattabili di persona.
  • Se nella zona ci sono negozi di riferimento quotidiano (panettiere, farmacia, edicola, ecc), chiedete se possono tenere l’annuncio sulla porta o visibile all’interno, almeno per una quindicina di giorni (può darsi che il negoziante non voglia fare da “bacheca”, ma se è solo per un numero limitato di giorni dovrebbe accettare).
  • Avvisate i veterinari della zona lasciando il volantino (a volte chi trova un gatto lo porta dal veterinario per la verifica dell’eventuale microchip o dello stato di salute, oppure i clienti del veterinario potrebbero aver avvistato il micio in zona). Ovviamente a gatto ritrovato bisogna rifare il giro ad avvisare tutti quelli che avevano esposto i volantini (negozi e veterinari).

    SE NON LO TROVATE SUBITO:
  • Continuate a cercare anche nei giorni successivi. Tenete presente che un micio molto spaventato può stare rintanato anche per una settimana o più, anche se sente le vostre voci, spostandosi per le sue necessità solo quando non c’è nessuno in giro.
    Quindi le ricerche vanno continuate senza arrendersi, ripassando anche negli stessi luoghi e allargando il raggio man mano che passa il tempo. Prima o poi il micio riprenderà fiducia e si mostrerà.
  • Cercate di capire se in zona ci sono posti dove può aver trovato del cibo (ciotole di cani/gatti nei giardini, rifiuti, ecc), e soprattutto dell’acqua. Potrebbe trovarsi lì intorno.
  • Cercate di individuare quali sono gli itinerari tipicamente seguiti dai gatti liberi di quella zona; facilmente anche il vostro micio seguirà

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui