Home Politica AMBITO TERRITORIALE LOCRI Il sindaco risponde alla minoranza

AMBITO TERRITORIALE LOCRI Il sindaco risponde alla minoranza

208
0

R. & P.

Il sindaco di Locri, Giovanni Calabrese, con una lunga lettera trasmessa oggi via PEC, risponde alle richieste presentate dalla minoranza consiliare “Scelgo Locri” in merito all’Ambito Territoriale di Locri, di cui il sindaco Calabrese ne è anche Presidente e rappresentante legale dei 23 Comuni della Locride che lo compongono.

La richiesta era pervenuta in seguito ad alcune notizie apparse sulla stampa locale e diramate in maniera pretestuosa da settori che si professano operanti nel territorio locrideo.

Ho risposto alle perplessità espresse dalla minoranza – afferma Calabrese – rassicurando il capogruppo rispetto a quanto richiesto. Siamo tranquilli su tutti gli aspetti perché abbiamo sempre operato con la massima trasparenza, nel rispetto delle normative, producendo gli atti dovuti, ma soprattutto negli interessi delle fasce più deboli del nostro territorio che oggi usufruiscono di numerosi servizi assistenziali che fino a qualche anno fa erano inesistenti. E’ stato svolto un immane lavoro progettuale che oggi sta portando i suoi frutti. Ne sono consapevoli i beneficiari, i cittadini, i sindaci dei Comuni dell’Ambito, le cooperative, il Terzo Settore, gli enti che ci monitorano costantemente. Quindi possono stare tutti sereni perché la nostra azione continuerà in maniera incessante nei confronti di chi dobbiamo tutelare ed aiutare, così come abbiamo fatto fino ad oggi e sempre maggiormente sarà fatto in futuro.

Sono orgoglioso dei risultati raggiunti e dell’evidente inversione di marcia effettuata sotto la mia gestione. Grazie a tali interventi, ad oggi oltre 2500 soggetti deboli hanno potuto usufruire di importanti e qualificati servizi, frutto del lavoro di seri e validi professionisti che con impegno ed abnegazione svolgono la propria attività professionale presso l’Ambito Territoriale di Locri.

Esprimo dispiacere e sconcerto per la singolare e strumentale attività “politica” rivolta nei confronti dell’Ambito Territoriale di Locri. Di certo continueremo a portare avanti tutte le attività con maggiore impegno, convinzione e determinazione, con la massima trasparenza e nell’interesse esclusivo di quelle categorie deboli, le quali oggi, grazie a tale impegno, usufruiscono di importanti, adeguati e qualificati servizi”.

DI SEGUITO LA LETTERA INVIATA DAL SINDACO DI LOCRI AL CAPOGRUPPO DI MINORANZA VINCENZO CARABETTA:

Gentile Dottore Carabetta, in risposta alla Sua interrogazione e alle diverse notizie pubblicate sulla stampa, Le scrivo con l’intento di tranquillizzarla in relazione alle accuse di “distrazione” di fondi relativi all’Ambito Territoriale di Locri di cui Locri è Comune capofila.

Ho letto venerdì sera sulla stampa di un sollecito di risposta ad una Sua interrogazione e che rimane in “trepida attesa”.

Come anticipatoLe telefonicamente nella stessa serata di venerdì, ero convinto che l’interrogazione scadesse a maggio e quindi non avendo nulla da “nascondere” e non abituato a “tacere”, dò immediato riscontro alla Sua richiesta anche approfittando del ponte del primo maggio.

Comprendo che vede svilito il Suo ruolo di consigliere comunale per alcune tardive risposte, ma La invito a comprendere l’impegno di una struttura organizzativa che, numericamente carente, deve purtroppo imporsi delle priorità. 

La  tranquillizzo, in ogni caso, che  la richiesta della Regione Calabria, da Lei citata, ha avuto formale riscontro da parte del sottoscritto lo scorso 13 aprile 2021, con nota prot. 8659; potrà in qualsiasi momento prendere visione o estrarre copia presso i competenti uffici comunali.

In attesa che il Responsabile del Servizio, presenti formale relazione, a seguito di formale richiesta del sottoscritto, La tranquillizzo in ogni caso che non esiste alcun utilizzo improprio o distrazione di risorse finanziarie per come erroneamente da “alcuni” sostenuto.

La tranquillizzo, inoltre, che le attività poste in essere da parte dell’Ambito Territoriale di Locri hanno trovato la soddisfazione da parte di tutte le categorie e fasce deboli oggetto dei consistenti finanziamenti.

Risultati ottenuti grazie a capacità e competenza di chi ha creduto nel difficile ma ambizioso progetto di rilancio dell’Ambito Territoriale di Locri dopo il trasferimento da Bovalino su indicazione unanime dei sindaci.

La tranquillizzo sul fatto che avere la competenza e la capacità ad ottenere consistenti finanziamenti, non significa avere un lasciapassare a poterli sperperare o utilizzarli impropriamente come magari fanno abilmente molte associazioni che operano nel privato.

A tal proposito: Le evidenzio e Le confermo, infatti, che i contestati 11 milioni di Euro ottenuti non sono stati un omaggio alla Città di Locri o all’Ambito, ma il frutto di un impegno che evidentemente dà fastidio a “qualcuno”.

Queste risorse sono state, sono e saranno utilizzate nel rigoroso rispetto delle procedure di legge, e hanno dato la necessaria assistenza a 2500 utenti nella Locride.

Non risulta al sottoscritto e agli altri sindaci dell’Ambito che ci siano ad oggi categorie come disabili gravi e gravissimi che non abbiano avuto la necessaria e prevista assistenza.

La invito a fornire tempestivamente eventuali informazioni dettagliate in Suo possesso al fine di poter dare la giusta assistenza a chi non l’avrebbe a Suo dire ricevuta.

Criticare e fare demagogia sono la cosa più semplice, ma comprendo il Suo ruolo.

Poi se ritiene che siano adottati atti contro legge e un Suo dovere, anzi un obbligo, denunciarlo alle competenti Autorità Giudiziarie.

Come già detto in altre occasioni, un giorno, quando grazie al democratico voto dei cittadini, avrà certamente la fortuna di doversi occupare della risoluzione delle problematiche in un contesto difficile, sono certo che si ricrederà su tante cose.

Infine sulla “debole maggioranza”, La tranquillizzo che continueremo a lavorare per la città con impegno e sacrificio rispettando il mandato affidatoci dai cittadini.

Se diversamente non ci saranno più le condizioni per continuare a governare, La  tranquillizzo  sul fatto che nessuno ha difficoltà a consegnare le chiavi della città ad un commissario prefettizio che avrà, in tal caso, il compito di guidarla fino alle future elezioni che certamente continueranno a vederci su schieramenti contrapposti avendo visioni molto divergenti della “civitas”.

Quello di cui sono certo è che senza alcun dubbio non saranno avallate sotto la mia gestione operazioni di trasformismo che in passato hanno fatto tanti danni alla nostra città.

Pertanto stia sereno Dott. Carabetta, il mio secondo mandato ha superato il giro di boa e viaggia spedito verso il traguardo finale e, anche se stanco e provato da questa dura ma bellissima e avvincente esperienza, posso solo essere orgoglioso per quanto è stato fatto in questi anni in una situazione estremamente difficile.

In ogni caso tutti gli atti dell’Ambito, compresi quelli da Lei richiesti, sono pubblici e consultabili anche online sul sito del Comune di Locri.

Sulle specifiche richieste dell’interrogazione dello scorso 23 marzo, come già specificato alla Regione Calabria, in relazione al Fondo per la Non Autosufficienza annualità 2015 si precisa che al momento il fondo non è stato utilizzato in quanto l’Ambito ha già concluso le attività relative al Fondo per la Non Autosufficienza 2013, sta concludendo le attività relative alla annualità 2014 per poi attingere ai fondi previsti per il 2015.

Si precisa e si sottolinea che le prestazioni a favore delle persone disabili gravi, nello specifico assistenza domiciliare con predisposizione del piano individualizzato, previa visita domiciliare da parte dell’assistente sociale del Pua, sono attualmente regolarmente erogate con le risorse finanziarie del Fondo per la non Autosufficienza annualità 2014. NON ESISTONO UTENTI SENZA ASSISTENZA!!!

Per come anticipatoMi dal Responsabile del Servizio, dott. Antonio Marra, tutte le risorse relative al Fondo Non Autosufficienza Annualità 2015 risultano essere presenti nelle casse dell’Ente e disponibili per l’utilizzo.

Non risultano alla data odierna agli uffici dell’Ambito situazioni di famiglie, di riferimento delle attività sociali dell’Ambito, “abbandonate al loro destino senza il supporto necessario delle istituzioni” come da Lei sostenuto.

Le rinnovo, quindi, come detto prima, l’invito ad una collaborazione fattiva con tempestiva segnalazione di tali gravi casi di Sua conoscenza.

Per quanto riguarda i progetti attivi e da attivare, Le comunico che la relazione contente tutte le informazioni relativi alle finalità e agli importi finanziati è pubblicata sul sito istituzionale del Comune di Locri, nella pagina dedicata all’Ambito Territoriale di Locri.

Tali progetti hanno già avuto regolare approvazione da parte dei sindaci dell’Ambito.

In relazione a tutte le procedure per la scelta dei professionisti o delle cooperative e associazioni che collaborano con l’Ambito, può trovare ovviamente tutto ciò che Le interessa presso gli uffici dello stesso Ambito o sempre sullo stesso sito istituzionale del Comune di Locri.

Se dovesse riscontrare irregolarità, La invito a presentare denuncia oltre alla Procura della Corte dei Conti, come ha già fatto, anche alla locale Procura della Repubblica.

Per quanto riguarda l’analisi socio-economica dei progetti da Lei richiesta, Le ribadisco che tutti i progetti hanno avuto regolare approvazione da parte degli Enti preposti.

Non risultano ad oggi disservizi o situazioni di disagio nei Comuni afferenti all’Ambito.

Quindi, risulta evidente che personale e azioni sono assolutamente in equilibrio in base alle scelte progettuali.

A mio modesto avviso, invece di farsi “pilotare” verso situazioni di sterile denuncia, da soggetti che hanno evidentemente altri interessi e che “indirizzano” artatamente il Suo agire politico, avrebbe fatto prima e probabilmente meglio a documentarsi, guardarsi intorno confrontarsi e a comprendere che il Comune di Locri come Ente capofila, malgrado le tante difficoltà, ha attivato importanti risorse per dare assistenza reale e concreta alle fasce deboli.

I “consulenti”, così definiti in un Suo comunicato stampa, sono professionisti, capaci e competenti, che lavorano con serietà ed abnegazione, e che hanno consentito gli importanti e qualificati risultati raggiunti.

A questi professionisti, sbeffeggiati sulla stampa per squallidi motivi di natura politica e non solo, purtroppo anche da Sue iniziative, andrebbe chiesto scusa e detto grazie per quanto fino ad oggi fatto.

Con la speranza di aver evaso tutte le Sue legittime richieste, l’occasione è gradita per inviarLe Cordiali Saluti.

Dalla Residenza Municipale, 3 maggio 2021

 Il Sindaco

Dott.  Giovanni Calabrese

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui