Home Politica AFRICO «Niente buoni spesa per i familiari degli ‘ndranghetisti». L’amaro commento di...

AFRICO «Niente buoni spesa per i familiari degli ‘ndranghetisti». L’amaro commento di una cittadina

1498
0

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

In un momento storico in cui il Governo italiano si attiva per adottare  misure straordinarie e urgenti per fronteggiare l’emergenza alimentare della popolazione italiana colpita e decimata dal Covid 19 destinando  dei fondi  per alleviare bisogni e necessità, in un momento in cui le polemiche sulla distrazione dei fondi dal Sud verso il Nord  occupano le pagine delle principali testate giornalistiche, c’è chi, in rappresentanza di uno Stato “giusto” e “solidale” ha decretato che dall’assegnazione dei Buoni Spesa saranno escluse le famiglie nel cui nucleo familiare “non sussistano condanne definitive ai sensi dell’art. 416 bis del c.p. né condanne per i reati contestati per l’aggravante dell’agevolazione mafiosa né carichi pendenti per gli stessi reati”.

Ebbene sì! Il Commissario Prefettizio del Comune di Africo in provincia di Reggio Calabria, ha stabilito i parametri di assegnazione dei buoni spesa da destinare alle famiglie bisognose, escludendo quei nuclei dove un membro ha riportato condanne penali. C’è da chiedersi: ma in questo caso, i decreti non dovrebbero essere adottati secondo il criterio della solidarietà sociale, della sussidiarietà e dell’assistenza? Eppure si tratta di buoni spesa. BUONI SPESA, ovvero buoni spendibili in BENI ALIMENTARI O DI PRIMA NECESSITA’ quasi che i figli dei detenuti non abbiano bisogno di mangiare, di curarsi, di vivere. BUONI SPESA NECESSARI PER L’ACQUISTO DI ALIMENTI! NON BENI DI LUSSO!

 Il dubbio è che il Commissario Prefettizio del comune reggino abbia adottato tale provvedimento senza considerare lo stato di bisogno del popolo che amministra e senza una vera concertazione con le parti sociali perché se lo avesse fatto avrebbe visto lo stato di bisogno dei figli dei detenuti.

 Sorge il dubbio che il potere conferito a chi dovrebbe farsi “verbo e rappresentante” delle istituzioni abbia perso di vista la funzione che gli è stata assegnata e probabilmente si senta una sorta di “paladino” della giustizia, peritus peritorumche si arroga il compito di escludere le famiglie dei detenuti per mafia dal sussidio statale dei buoni spesa. Eppure lo stato di bisogno riguarda anche loro. Certamente i controlli vanno fatti, vanno verificate tutte le compagini sociali ma non si può escludere a priori una parte della comunità.

Che dire; il Commissario avrà pure scritto una bella pagina di “Giustizia” in una terra aprioristicamente tacciata di mafiosità, ma quando il suo mandato sarà finito, ci si augura che qualcosa anche Egli l’abbia imparata da questa terra: la dignità con cui i figli dei detenuti affrontano ogni giorno la vita non si vende. I figli dei detenuti non chiedono, attendono che lo Stato si ricordi anche di loro. I figli dei detenuti sono abituati a vivere di privazioni, di mancanze e se lo Stato ha decretato che loro non c’è necessità di pane sulla loro tavola, ciò non cambierà le cose, vivranno lo stesso anche senza il pane quotidiano. 

Avv. Maria Concetta Crisafi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui