Home Ambiente e Sanità SANITA’ Criticità alle Cardiologie dell’Asp reggina

SANITA’ Criticità alle Cardiologie dell’Asp reggina

118
0

R. & P.

Per molti anni e con segnalazioni, denunce e prese di posizioni coraggiose, la CISL FP e CISL Medici  avevano preannunciato la pericolosa situazione che riguardava le Cardiologie – UTIC dell’ASP di Reggio Calabria, purtroppo chi di dovere(commissari e direttori generali pro tempore) non ha posto in essere alcuna azione a rimuovere le cause del degrado operativo e morale in cui è stato portato un settore che da fiore all’occhiello di ambedue gli Ospedali Spoke dell’Azienda, è precipitato in un pericoloso baratro.

Per la fortuna dell’Ospedale Spoke di Polistena ma soprattutto dell’utenza di riferimento, nel 2018 ha preso Servizio nella Cardiologia-UTIC dell’Ospedale di Polistena il dr. Vincenzo Amodeo che da subito ha trasformato la Struttura Complessa, intervenendo in modo significativo sull’organizzazione, sulla logistica e soprattutto sulla motivazione del Personale ivi operante che in pochissimo tempo ha manifestato gli effetti che una “guida sicura” sortisce ma soprattutto mantiene e migliora nel tempo.

Mentre l’Unità Operativa di Locri viveva grossi conflitti interni, con fughe di professionisti attraverso dimissioni e pensioni anticipate, quella di Polistena usciva spesso sui giornali, in controtendenza assoluta rispetto all’abituale cronaca sulla sanità, infatti si parlava di episodi di eccellenza, di avvio di procedure cliniche e chirurgiche mai effettuate prima, si era finalmente raggiunta l’affermazione del settore, con fiducia e speranza da parte della popolazione pianigiana che a stesso mezzo o sui social manifestava compiacimento.

Nonostante qualche risentimento interno, l’Unità Operativa ha funzionato benissimo ma trasferimenti e pensionamenti hanno messo a dura prova l’eccellente progresso raggiunto, infatti si apprende che, con lettera inviata via PEC (a cui non è mai stata data risposta), in data 18/08/2021, al commissario regionale alla Sanità dr. Guido Longo e al commissario straordinario dell’ASP-RC dott. Gianluigi Scaffidi, il dott. Vincenzo Amodeo, direttore f.f. della U.O. C. di Cardiologia/UTIC del P.O. di Polistena, evidenziava la drammaticità della situazione creatasi presso detta Struttura, a causa della carenza di organico medico ed infermieristico, con conseguenze devastanti sulla sicurezza delle cure e sulla necessità di dare risposte al bisogno di salute che proviene dal vastissimo territorio pianigiano.

Purtroppo in seguito alle esternazioni, pubblicate a mezzo stampa (anche nella qualità del dottorr Amodeo di rappresentante sindacale), relative alle difficoltà derivanti da tali carenze, causa di depotenziamento delle Strutture Cardiologiche Ospedaliere di Polistena e di Locri, egli veniva citato in giudizio dal Commissario dell’ASP.

Non comprendiamo le ragioni di chi ha sicuramente a cuore il funzionamento della propria Azienda e conoscendo le abitudini del commissario confidiamo che non vi siano finalità punitive a fronte di chi propone soluzioni a salvaguardia dell’utenza e per la costruzione di una sanità migliore che punti sulla centralità del malato, per evitare che si giungesse ad una situazione la cui drammaticità è ormai sotto gli occhi di tutti.

Infatti, dei 16 medici previsti in organico presso la Cardiologia di Polistena, ne sono rimasti solo 8, di cui due esentati dal lavoro notturno, uno che svolge le funzioni di primario e con quattro di questi pronti per andare in pensione tra aprile e giugno, per non parlare del personale infermieristico ormai ridotto all’osso, con 19 infermieri a fronte dei 40 previsti e 4 OSS a fronte dei 20 previsti.

Altrettanto drammatica è la situazione a Locri, dove in seguito alla fuga di validi professionisti, pensionamenti e malattie con conseguente difficoltà di garantire il minimo dell’assistenza, si è giunti al collasso e nei giorni scorsi per i numerosi contagi che si sono manifestati dentro il Reparto, si è proceduto  con la chiusura momentanea dei locali della Cardiologia e il mantenimento dell’UTIC con solo quattro posti letto, il problema non sarà ripristinare gli ambienti ma pensare di ripartire con un numero di medici che non permetterà la copertura dei turni.

Un crollo di erogazione delle prestazioni in tutta la Provincia, in particolare non sarà più possibile garantire l’esecuzione di procedure terapeutiche salvavita, posto che, da qui a breve, andranno in pensione alcuni medici del G.O.M., esperti nella metodica e lo stesso dott. Amodeo che non ha ottenuto la proroga per il mantenimento in servizio fino al 70° anno di età, nonostante previsto dalla legge N°126 del 13/10/2020, con richiesta accettata con deliberazione n° 329 del 26 marzo 2021, successivamente revocata ( con deliberazione N° 346 del 01/04/2021) con motivazioni che alla luce della stessa Legge di proroga e dell’emergenza del momento dovrebbero essere assolutamente riconsiderate, tenuto conto del rischio a cui si espone la popolazione e la difficoltà a reclutare professionisti qualificati e in condizioni di affrontare le emergenze in cardiostimolazione.

La CISL FP e CISL Medici hanno gradito la sensibilità del dottor Amodeo che è disposto a rimanere senza alcun aggravio di spesa per l’Azienda, offrendo la propria esperienza  per non interrompere la qualificata assistenza finora garantita.

Offriamo questa riflessione all’attenzione dell’opinione pubblica, del commissario straordinario e del direttore sanitario, delle associazioni, nell’interesse dei malati ed anche al fine di sollevare gli operatori sanitari dal rischio clinico derivante dalla disorganizzazione e dalla mancanza di soluzioni che sono esclusiva prerogativa di chi ha l’obbligo della gestione sanitaria.

In merito alle difficoltà dei medici ed al difficile governo clinico della Cardiologia/UTIC di Polistena, si prende nota della missiva inviata a tutte le Autorità competenti, a firma dei professionisti in forza alla Divisione, con la quale si stigmatizza la gravità della situazione ed il possibile default del sistema assistenziale, posto che la Cardiologia e l’Anestesia/Rianimazione sono indispensabili per lo svolgimento di tutte le attività chirurgiche e di supporto al Pronto Soccorso.

Alle criticità suddette, si aggiungono le difficoltà derivanti dal difficile trasferimento, nelle poche emodinamiche presenti sul territorio, dei pazienti che necessitano di studio coronarografico, per via dei pochi posti letto disponibili, a fronte di un aumento esponenziale delle sindromi coronariche e per indisponibilità di ambulanze medicalizzate necessarie per il trasporto di pazienti critici, a rischio di morte improvvisa.

La CISL FP e CISL Medici ritengono che in un momento così difficile e con un rischio così alto per il possibile crollo delle prestazioni necessarie alla popolazione di tutta la Provincia, sia necessario ed urgente l’accoglimento della proroga della permanenza in servizio del dottor Amodeo che garantirebbe qualche anno per affiancare e formare i professionisti presenti, per creare una condizione di attrattività nei confronti di professionisti di altre Aziende, per decongestionare e risollevare la SOC di Locri che necessita anch’essa di supporto, organizzazione e condizioni di interesse nei confronti di quei medici che finora hanno pensato di allontanarsi.

Le due Cardiologie hanno bisogno di risorse umane, strumentali ma soprattutto di supporto organizzativo con investiture ufficiali dei Responsabili attraverso gli incarichi provvisori previsti dall’Art.22 del CCNL 2016-18 della dirigenza medica e veterinaria e nel più breve tempo possibile, dei concorsi per gli incarichi quinquennali di Direttore di Struttura Complessa.

Siamo in emergenza, bisogna agire subito, si può fare e si deve intervenire, serve una mano sulla coscienza ma in questo caso è meglio sul “Cuore”.

 Il Segretario Generale Aggiunto FP Giuseppe Rubino

Il Segretario Generale Cisl Medici Giovanni Calogero                               

         

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui