Home In primo piano XXIX Stagione Teatrale, “L’Infinito Giacomo” conquista il pubblico di Locri (Immagini e...

XXIX Stagione Teatrale, “L’Infinito Giacomo” conquista il pubblico di Locri (Immagini e Video ESCLUSIVI)

170
0

di Antonella Scabellone (foto e video Enzo Lacopo)

LOCRI- Prosegue, a pieno ritmo, la XXIX  Stagione Teatrale della Locride, diretta da Domenico Pantano, con un  altro prestigioso appuntamento nell’ambito della ricca programmazione estiva. Ieri sera, nella Corte del Palazzo Municipale di Locri, è andato in scena “L’Infinito Giacomo”, interpretato da uno straordinario Giuseppe Pambieri, per la regia  di Giuseppe Argirò.

Un monologo dedicato al grande  Giacomo Leopardi in cui le piu’ famose opere del poeta di Recanati (a Silvia, alla Luna, il Sabato del Villaggio, l’Infinito, il Passero Solitario, solo per citarne alcune),  sono riproposte, non solo per far rivivere al cospetto del pubblico l’artista, considerato tra i maggiori esponenti del romanticismo europeo, ma anche per far conoscere  il Leopardi uomo, quello che i libri di letteratura non raccontano abbastanza, con le sue passioni e debolezze. Un Leopardi inedito, quello interpretato da Pambieri, non solo il poeta del  pessimismo cosmico, per cui è universalmente conosciuto, ma un giovane uomo la cui voglia di vivere si scontra con le vicissitudini di un’esistenza tormentata, in particolare dai problemi di salute che lo affliggono e lo conducono alla morte prematuramente. Pambieri entra perfettamente nel personaggio di cui interpreta vizi e virtù: la  sua passione per  la cucina, in particolare per i dolci; l’ amore per i libri, e per  la polvere della biblioteca; il  legame profondo con la città di Napoli; e ancora il Leopardi che  non sopporta l’acqua fredda, che da bambino odiava  fare il bagno, e peggio ancora mangiare  la minestra.

Un’ ora e mezza di grande intensità  dove le musiche di Mozart, Bach, Chopin fanno da sottofondo e diventano parte integrante dell’opera teatrale.

Il cartellone della stagione teatrale continua con altri imperdibili appuntamenti: “L’asino d’oro” con Sergio Basile, a Locri il 3 settembre e a Roccella Ionica il 4 settembre, e “Arianna nel labirinto”, con Debora Lentini per la regia di Manuel Giliberti in scena il 5 settembre a Locri e il 6 settembre a Roccella Ionica.

Immagini

VIDEO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui