Home Viabilità SS 106 L’affondo di Fabio Pugliese: “Da Occhiuto solo annunci”

SS 106 L’affondo di Fabio Pugliese: “Da Occhiuto solo annunci”

70
0

R. & P.

Il PNRR – come è ormai noto – non finanzia la costruzione di nuove strade. Sembrerebbe una follia e, nella realtà lo è. Non è un caso che il “Governo Conte 2” (o “Governo Giallo-Rosso”), fu “commissariato” dal Governo Draghi. Proprio quest’ultimo ebbe modo di risolvere questa anomalia con una idea: far realizzare la costruzione di nuove strade al Ministero per il Sud mediante l’utilizzo dei fondi di Sviluppo e Coesione.

Peccato che – come è ormai noto – alla Calabria è stato destinato un finanziamento di 285 milioni di euro contro i 1.700 milioni di euro alla Campania, i 958 milioni di euro alla Puglia ed i 1.213 milioni di euro alla Sicialia… Ma tant’è!

Eppure sul noto quotidiano locale l’Eco dello Jonio l’8 settembre 2021 fu pubblicato un articolo dal titolo Due miliardi per una nuova Statale 106 che rischiano di diventare soldi del monopoli”. Nell’articolo veniva correttamente riportata la risposta che il Ministro per il Sud di Forza Italia Maria Carfagna aveva dato rispetto a un’interrogazione del deputato di Coraggio Italia, Felice D’Ettore.

In quella risposta la Ministra di Forza Italia Mara Carfagna, esattamente un mese prima delle elezioni per il rinnovo del Consiglio Regionale che poi ha eletto l’On. Roberto Occhiuto di Forza Italia dichiarò che «per la completa realizzazione dell’intera opera occorre assicurare, nel prossimo periodo, un ulteriore significativo sforzo finanziario di circa 2 miliardi che saranno impegnati dal Governo nelle prossime settimane, al più tardi nella prossima legge di bilancio».

Nelle successive settimane non fu destinato un bel nulla! Nella legge di bilancio dello scorso dicembre – come è ormai noto – il Governo ha destinato a tutte le strade e le autostrade italiane solo 4,6 miliardi di euro. Sulla Statale 106 c’è poco o nulla (nel dettaglio capiremo cosa c’è appena l’Anas Spa finalmente pubblicherà il Contratto di Programma 2021 – 2025), e comunque tali risorse saranno destinate solo e soltanto per «predisporre un piano generale di adeguamento e messa in sicurezza dell’arteria che prevede, oltre ai già contrattualizzati interventi di messa in sicurezza, rettifiche locali di tracciato o sistemazione di incroci a raso, manutenzione programmata delle barriere di sicurezza e delle pavimentazioni».

Oggi l’Eco dello Jonio pubblica alle 12:06 un articolo in cui questa volta riporta le dichiarazioni del Commissario alla Sanità della Calabria On. Roberto Occhiuto di Forza Italia: «per noi ammodernare tutta la statale 106 resta una priorità. Abbiamo chiesto 3 miliardi al governo e sono convinto che questi soldi ci saranno nella prossima manovra di bilancio».

L’articolo, pubblicato sui social, ha ottenuto davvero poco successo anche perché sembrerebbe che l’On. Occhiuto sia ormai considerato davvero poco serio per molti calabresi. Ad ogni modo i pochi che hanno letto l’articolo non hanno esitato a commentarlo in modo significativo: Bla bla bla, e basta! Siamo stanchi di promesse!“, “Vogliamo una tangenziale a 4 corsie come la Puglia, Basilicata e Campania, anche noi paghiamo le tasse, più del nord, ma non abbiamo le strutture per colpa della politica Calabrese che pensa solo al magna magna“, “Parole Parole soltanto parole“, “Alle prossime elezioni la fanno a 6 corsie“, “Troppe chiacchiere fate un po’ di fatti, dovete capire che chi va va si fanno solo i cazzi loro”…

Questo ennesimo annuncio del Commissario alla Sanità della Calabria On. Occhiuto, unitamente agli annunci degli ultimi mesi, oltre a quelli che da oggi ascolteremo fino alla fine dell’anno in corso, nascono dall’esigenza della politica – in evidente difficoltà – di nascondere, dietro grandi promesse, la dura e mai tanto triste realtà dei fatti, oggi peraltro certificata dal DEF.

Questa è una sconfitta per tutti in un anno, il 2022, che dal primo di gennaio fino ad oggi ha visto morire sulla Statale 106 ben 12 persone, una ogni 14 giorni. È anche una sconfitta per l’informazione che diffondendo le veline della politica (e qualcheduno senza neanche garantire pluralità di voci e di pensiero), ha di fatto concorso a creare una opinione nella popolazione basandosi su fatti che oggi possiamo semplicemente definire evidentemente errati.

L’elemento più sconfortante è tutto qui: una regione che non vedrà cambiamenti sulla Statale 106; una regione che tra un decennio si ritroverà con una Statale 106 molto più pericolosa di quella di oggi; una regione che non ha avuto neanche la possibilità di capire cosa è accaduto veramente quanto poteva provare a cambiare qualcosa. Ormai è tardi.

Quello che ci aspetta? Ancora tragedie stradali che continueranno e, anzi, purtroppo saranno destinate ad aumentare: ma parliamoci francamente, di chi sono le responsabilità morali…?

La prossima legge di bilancio ormai è vicina.

Basta attendere fino al prossimo dicembre…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui