Home Ambiente e Sanità SIDERNO Ennesimo abbandono di rifiuti per strada. Un cittadino riprende la scena

SIDERNO Ennesimo abbandono di rifiuti per strada. Un cittadino riprende la scena

191
0

di Gianluca Albanese

SIDERNO – Capita anche questo in una domenica mattina d’autunno nella Siderno dell’anno del Signore 2020. Un cittadino si affaccia dal balcone vista mare per riprendere lo spettacolo della natura, delle barche dei pescatori, dell’azzurro del mare coi suoi riflessi argentei e un sole incerto che prova a farsi largo tra qualche nuvola. E poi…lo sconcio che non ti aspetti. Lo zoom arretra di qualche metro e riprende, per puro caso, una scena divenuta tristemente consueta. 

Il conducente di un’utilitaria accosta, deposita un sacco nero dell’immondizia sul marciapiede e riparte repentinamente.

Come se nulla fosse. 

Come se quel metro quadro fosse di sua proprietà e non un pezzo di bene comune che lui e altri come lui violano quotidianamente abbandonando in maniera illegale e abusiva i propri rifiuti indifferenziati. 

Uno sconcio per una città che nel biennio 2015-2016 aveva vinto la sfida dell’avvio della raccolta differenziata porta a porta, nonostante la popolazione vicina ai ventimila abitanti distribuita su un’estensione territoriale di gran lunga superiore a tutti i paesi circostanti. Una sfida vinta perché sia nelle sterminate periferie che in centro l’esperimento funzionò bene, tanto che l’Arpacal certificò da allora una percentuale di rifiuto correttamente differenziato e conferito agli impianti di trattamento vicinissima a quella di Roccella Ionica, che la raccolta differenziata “porta a porta” dei rifiuti ha iniziato a farla parecchi lustri prima, e seconda solo ad Ardore, vero e proprio comune all’avanguardia da questo punto di vista. 

Poi, negli ultimi tempi, qualcosa è andato storto ed è inutile che il cittadino se la prenda con gli operai di Locride Ambiente che svolgono onestamente il loro lavoro pur in condizioni difficili, o con la società e, men che meno col Comune. Siamo dell’idea, infatti, che quando qualcuno commette un abuso e un atto incivile e illegale come l’abbandono dei rifiuti per strada manchi di rispetto all’intera comunità, oltre che a sé stesso, ammesso che di quella comunità faccia parte. 

Ecco perché ha fatto bene il cittadino Michele Iannopollo a riprendere la scena dell’abbandono dei rifiuti e a inserire il video nel proprio profilo Facebook. Lungi dal voler fare gli “sceriffi” abbiamo comunque il dovere di denunciare i comportamenti contrari alla tutela dell’igiene e del decoro urbano. Non sappiamo se nella fattispecie la risoluzione delle immagini diffuse sia sufficiente a risalire all’autore dell’insano gesto. Di sicuro la diffusione di queste immagini deve costituire un monito a chi pensa di poter abbandonare i rifiuti facendola sempre franca. No, non la passerà liscia se i cittadini cominceranno a seguire l’esempio di chi documenta e denuncia. Perché girarsi dall’altra parte quando si assiste a certe scene non fa il bene della propria città e della propria comunità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui