Home Mondo animale Siderno: Bau Beach è una sorta di discarica a cielo aperto, la...

Siderno: Bau Beach è una sorta di discarica a cielo aperto, la denuncia di Oipa

217
0

R. & P.

SIDERNO – Sul piano spiaggia, da anni, troviamo la bau beach, la spiaggia per i cani. Finalmente ora con i cartelli che la indichino.
Ottima notizia , finalmente potremmo esultare ma, c’è un ma maiuscolo; la sporcizia !! Troppa spazzatura sul lungomare e, non certo quella lasciata dai cani .
Come si evince dalle foto, i nostri amici rischiano di sporcarsi o addirittura intossicarsi se per caso ingeriscono qualche alimento andato a male dopo tanto tempo sotto il sole cocente.
Ma andiamo al cartello .
Regole da rispettare .
Oltre alle classiche , ultima regola recita : le deiezioni solide ( e se per caso il cane avesse diarrea?) Dovranno essere rimosse ( certamente) a cura del proprietario (?-sono oggetti o compagni di vita?) Munito di raccoglitore /paletta ( mah ) e depositate negli APPOSITI CONTENITORI .


Lunga passeggiata con i nostri amici a quattro zampe lungo il litorale e, finalmente , sul lungomare zona Tropicale , spunta un ” Eco Dog” il famoso contenitore per le deiezioni che come di può notare è strapieno di … Tutto tranne che le bustine per le deiezioni.
E si , perché oggi non si porta dietro la paletta ma le semplici bustine che ormai si trovano ovunque, dai negozi pet ai supermercati.


Cerchiamo di capire e magari spiegare .
Il cartello certamente è uno trovato dal web di tantissimi anni fa .
Ma magari un povero turista con che giunge a Siderno si trova disorientato .
Un ufficio diritti degli animali ? Non c’è!
La municipale? Uffici quasi sempre chiusi !
Ed ecco che il povero turista si ritrova a vagare per le strade di Siderno con in mano la sua bustina con le deiezioni del cane magari anche sotto il sole,cocente in questo periodo poi, alla ricerca del famoso contenitore detto Eco Dog e, se è fortunato da trovarlo però non può che lasciare la bustina per terra visto che è sempre pieno .
E vabbè che è scritto in inglese ma l’ immagine apposta parla chiaro .
Già , perché la colpa non è neanche dei cittadini che non sanno leggere,ma dell’ esigenza di avere almeno un paio di cassonetti per i rifiuti posizionati in aree trafficate dai cittadini .
Prima di criticare sempre , pensiamo …
Marilene Bonavita ( addetta stampa OIPA CALABRIA )



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui