Home Arte e Cultura GIOIOSA JONICA Sabato pomeriggio a palazzo Amaduri il concerto del duo Ghighi...

GIOIOSA JONICA Sabato pomeriggio a palazzo Amaduri il concerto del duo Ghighi & Rossetti

33
0

R. & P.

Gioiosa Jonica – Sabato 17 ottobre avrà luogo presso il Palazzo Amaduri di Gioiosa Jonica il concerto del duo Katia Ghigi, violino – Michele Rossetti, pianoforte. La manifestazione è promossa da AMA Calabria con la collaborazione dell’Accademia Musicale Ars Musicae di Gioiosa jonica e si realizza grazie al sostegno del MiBACT Direzione Generale dello Spettacolo dal vivo e della Città Metropolitana di Reggio Calabria.

Katia Ghigi, dopo gli studi classici, ha conseguito il Diploma di Violino con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Perugia. Si è perfezionata alla “Scuola di Musica di Fiesole” con il celebre “Trio di Trieste”, M. Skampa, P. Farulli, R. Michelucci con il G.Prencipe . Ha fatto parte per due anni dell’Orchestra Giovanile Italiana, ricoprendo il ruolo di “prima parte”, collaborando così con grandissimi musicisti come Riccardo Muti, Salvatore Accardo, C. M.Giulini, G.G. Rath, M. Tipo, M.Campanella . Si è inoltre perfezionata con i Maestri P.Vernikov , I. Grubert ed il M° Felice Cusano. Ha iniziato giovanissima l’attività concertistica, esibendosi in qualità di solista e in formazioni da camera per importanti festivals ed società di concerti: Amici della Musica di Perugia, Amici della Musica di Firenze,  Amici della Musica di Taranto,  Amici della Musica di Vicenza, Amici della Musica di Latina, Sagra Musicale Umbra, Todi Festival”, Festival delle Nazioni” di Città di Castello, Società del Quartetto di Vercelli, Gubbio Festival, Segni Barocchi di Foligno, Settimane Musicali” di Lugano (Svizzera), Festival International des Artes (Francia), Festival Internazionale” di Kusatsu (Giappone), Concerti d’estate” a Pesaro, Ravello Festival, Est-Ost Festival” (Austria), Teatro San Carlo di Napoli, Teatro alla Scala di Milano, Teatro Regio di Parma, Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, Parco della Musica di Roma, Schauspielelhaus di Berlino (Germania), Staatsoper di Dresda, “Alte Oper” di Francoforte, Sala Grande dell’ Opera del Cairo (Egitto), Sala Chopin di Varsavia (Polonia), Sura Salons di Ankara (Turchia), Suntory Hall di Tokyo (Giappone), Festival Internazionale di Musica di Ischia, Suoni e Colori in Toscana, Amici della Musica di Floridia, I festival Internacional de Musica de Otono Murcia ( Spagna), Musei Civici Veneziani, Concerti in Altamarca, Suoni e colori in Toscana, Festival  Internazionale della Musica da Camera Iglesias, East-West  Musicfestival Austria), Amici della Musica di Floridia, Piano Echos (Piemonte), Musica nei Chiostri di Teramo, Settimane Musicali al Teatro Olimpico di Vicenza, Rassegna internazionale Musica in Irpinia “; ha partecipato a numerose tourneès in Francia, Spagna, Svizzera, Grecia, ex Iugoslavia, Polonia, Germania, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Egitto, Turchia, Libano, Ungheria, Giappone, Austria, Brasile.  Ha suonato, sempre  in qualità di “ prima parte” e solista con numerose orchestre da camera e sinfoniche, maturando così significative esperienze dovute alla collaborazione con celebri musicisti come:  Felix Ajo, Pina Carmirelli, Rocco Filippini, Franco Petracchi, Marco Rizzi, Thomas Indermule, Claudio Brizi, Werner Hink (primo Violino dei Wiener Philarmoniker), Keiko Toyama, Enrico Dindo, Sascha Gavrilov, Pierre Amojal, Wolfgang Meyer, Milan Turkovic, Fabrizio Meloni, Stefan Milenkovic, Bruno Canino, Federico Mondelci, Roland Dyens,Massimo Quarta, Francesco Manara, Sonig Tchakerian, Mario Brunello, Victoria Mullova. Ha inciso numerosi CD per le case discografiche: Dynamic, Quadrivium, Bongiovanni, Camerata Tokyo (alcuni dei quali recensiti con il massimo del punteggio artistico dalla rivista Amadeus), Tactus e Capstone Records (U.S.A.) Suona un violino Eugenio Degani del 1895.

Michele Rossetti si è diplomato con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio G. Verdi di Milano, sotto la guida del M° Piero Rattalino, studiando in seguito con il M° Paolo Bordoni. Risultato vincitore in vari concorsi pianistici e di musica da camera nazionali ed internazionali svolge attività concertistica sia come solista che in formazioni cameristiche in Italia e all’estero ottenendo ovunque successo di pubblico e di critica. In particolare così è scritto di lui nel “l’eco della riviera”: “l’estrema varietà di tocco e di intenzioni, la straordinaria vivacità del fraseggio indicano in lui una squisita natura musicale sorretta da vivida intelligenza e netta personalità”. Ha effettuato registrazioni per la RAI ed ha curato per l’etichetta discografica Quadrivium le opere di autori minori italiani dell’Ottocento. Per l’etichetta discografica Hyperprism ha inciso in duo con i Maestri Ciro Scarponi, Mario Ancillotti, Lorenzo Lucca, Guido Arbonelli e Roberto Fabbriciani. All’attività concertistica affianca quella didattica tenendo regolarmente Corsi di Alto Perfezionamento Internazionali di Norcia (TR), Summer Piano Academy – Poros  (GR), Tirana music festival, Gubbio ecc. Per il Gubbio Summer Festival ha collaborato suonando in duo con Mario Caroli e Bruno Canino. Ha curato per la Nuova Carisch -Warner Bros.- l’antologia pianistica “Conoscere Suonando” viaggio d’autore tra le forme per pianoforte. E’Direttore Artistico del concorso Nazionale di esecuzione musicale “E. Zangarelli” di Città di Castello. Già Direttore Artistico del prestigioso Master Class del Mediterraneo per giovani pianisti accompagnati dai genitori di Troina (EN) è altresì Direttore Artistico del Concorso Internazionale Pianistico Città di San Gemini e dei Corsi Internazionali della stessa città. E’ invitato a far parte di giurie in Concorsi Nazionali ed Internazionali.

Di particolare interesse il programma dal titolo Ragione e sentimento che comprende la Sonata in sol maggiore BWV 1021 di Johann Sebastian Bach, la Sonata in sol maggiore Kv 301 di Wolfgang Amadeus Mozart, la Sonatina in re maggiore op. 137 n.1 di Franz Schubert, lo Scherzo in do minore per la Sonata F.A.E. di Johannes Brahms, Vocalise di  Sergey Rachmaninoff e le Danze Popolari di Béla Bartók.

Gioiosa Jonica, 15 ottobre 2020

                                                                                               L’ufficio comunicazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui