Home Ambiente e Sanità Gioiosa Ionica, con la comunità e l’associazione “Prisdarello” si parla di rifiuti

Gioiosa Ionica, con la comunità e l’associazione “Prisdarello” si parla di rifiuti

244
0

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

GIOIOSA IONICA – Positiva al massimo la lodevole iniziativa messa in campo ieri dall’Associazione culturale “Prisdarello” della omonima frazione di Gioiosa Jonica, coadiuvata dalla Consulta e all’Amministrazione Comunale (Sindaco Salvatore Fuda, assessori Maurizio Zavaglia e Luca Giuseppe Ritorto).

L’incontro con la comunità di Prisdarello è avvenuto nell’ambito della Settimana Internazionale della Riduzione dei Rifiuti. C’è stata una dimostrazione pratica di raccolta differenziata. Ha introdotto i lavori il Presidente dell’Associazione, il giovane Antonio Calvi. Dopo l’intervento del Sindaco Salvatore Fuda, l’Assessore all’Ambiente Maurizio Zavaglia ha fatto vedere come materialmente, esaminando rifiuto dopo rifiuto, si fa la differenziata, utilizzando all’uopo i rifiuti contenuti proprio nei contenitori stradali della Frazione.

Alla fine, il Sindaco, con dati alla mano (materiale pesato, materiale differenziato, materiale umido) ha dimostrato il notevole guadagno economico ed ambientale che con il corretto modo di fare dei cittadini si realizza per ogni singola Famiglia, per la spesa pubblica e per la protezione dell’ambiente. Un accento particolare è stato posto sul compostaggio casareccio, sottolineato non solo dagli amministratori, ma ribadito scientificamente anche dall’ agronomo Domenico Calvi.

A sua volta l’avv. Pasquale Mesiti, consigliere di minoranza del Comune di Marina di Gioiosa Jonica, ha portato la sua testimonianza positiva in merito alla sperimentazione del compostaggio. Questa è stata una prima azione che -anche per emulazione dell’iniziativa dell’Ass. Prisdarello- prelude ad altre iniziative che saranno promosse dalla Consulta delle Associazioni con le altre Associazioni del gruppo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui