Home Costume e Società Diocesi Locri-Gerace, ecco le nuove nomine del Vescovo Oliva

Diocesi Locri-Gerace, ecco le nuove nomine del Vescovo Oliva

759
0

LOCRI- Si comunicano le più recenti nomine decise da S.E. monsignor Francesco Oliva, Vescovo di Locri-Gerace.

Sac. p. Dawinso LICONA SIERRA, imc. Nomina a Parroco di “Santa Maria di Loreto” in Platì e Moderatore della Comunità di Parrocchie di Platì, Natile e Natile Nuovo.

Sac. don Bruno SCULLI. Nomina a Parroco della Parrocchia “Santissimo Salvatore” in Africo.

Sac. don Gianluca GERACE. Nomina di Amministratore Parrocchiale di “San Basilio Magno” in Placanica.

Sac. p. Cletus Maria DAVID, smm. Nomina a Parroco di “Santa Maria del Soccorso” in Bianco Fraz. Pardesca.

Sac. p. Francesco PERICO, smm. Nomina a Rettore del Santuario Diocesano “Santa Maria delle Grazie” in Caraffa del Bianco.

Sac. p. Eugenio SALMASO, smm. Nomina di Amministratore Parrocchiale di “Sant’Agata vergine e martire” in Sant’Agata del Bianco.

Sac. don Fabrizio COTARDO. Nomina a Delegato per la formazione permanente del Clero.

Inoltre S.E. monsignor Francesco Oliva, ha istituito la Commissione diocesana per l’attuazione delle linee guida “No ad ogni forma di mafie!”, l’ultimo documento in materia della Conferenza Episcopale Calabra (CEC). Tale Commissione, che entra a far parte a pieno titolo degli organismi collegiali di Curia, avrà come obiettivo la cura dell’applicazione, sul territorio diocesano, dei documenti già emanati dalla CEC in materia di pietà popolare, liturgia, pastorale e lotta alla ‘ndrangheta e alla mentalità mafiosa che spesso condiziona anche le realtà ecclesiali.

Tale obiettivo dovrà concretizzarsi con il perseguimento di molteplici finalità intermedie necessarie al raggiungimento del fine principale: innanzitutto attraverso azioni di tipo formativo, verso laici e presbiteri soprattutto, e un impegno di vigilanza degli ambiti sensibili, a partire dalle forme di espressione della pietà popolare e della modalità di celebrazione dei sacramenti.

Tale organismo è pensato per dare stabilità a un impegno riformatore e purificatore che non si limiti al testo dei documenti, che pure hanno segnato una svolta nel cammino della Chiesa calabrese; le cui linee pastorali erano già presenti, seppur in forma aurorale ma ben chiara e definita, sin all’inizio del Novecento. La Commissione garantirà un progressivo e continuativo lavoro per sensibilizzare le coscienze secondo il Vangelo e per il perseguimento del bene comune.

La Commissione è formata da: don Tonino Saraco (Direttore Ufficio Pastorale Sociale e del Lavoro; don Nicola Commisso Meleca (Direttore Ufficio Liturgico); don Giovanni Armeni (Assistente diocesano Settore Giovani di AC); Sig.ra Loredana Calabrò, Sig.ra Manuela Cherubino, Sig.ra Stefania Grasso e Sig. Stefano Archinà. I primi responsabili di ambiti specifici di pastorale e i secondi scelti tra fedeli sensibili e impegnati in ambito sociale e politico e disposti a giocare un ruolo fondamentale nella crescita della coscienza civile ed evangelica delle comunità parrocchiali, degli organismi e delle associazioni laicali come dell’intera chiesa diocesana.

Locri 7 maggio 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui