Home In primo piano AUTISMO Bovalino la prima Link@aut-Land d’Italia. Prende il via il progetto del...

AUTISMO Bovalino la prima Link@aut-Land d’Italia. Prende il via il progetto del Garante della persona disabile. (Video)

395
0

di Adelina B. Scorda – Riprese e montaggio di Enzo Lacopo © 2020

BOVALINO – Creare una Link@ut-Land è questo l’obiettivo che il Garante per la persona disabile di Bovalino, Maria Rita Canova, si è prefissata circa un anno fa, dopo l’incontro avvenuto, grazie a Daniela Zavaglia presidente dell’associazione Per noi e dopo di noi, con Enrico Fantaguzzi fondatore di “Linkaut autismi senza frontiere” la prima rete d’imprese di servizi e di pubblici esercizi formati ad accettare e gestire la diversità, affiancando a essa la prima community on-line dedicata alle famiglie di persone affette da autismo. Un anno di incontri di programmazione, un anno speso in sinergia con Daniela Zavaglia” e l’assessore alle politiche sociali Filippo Musitano, che ha ricevuto il sopporto anche del Garante per l’infanzia e di tutta l’amministrazione comunale che fin da subito  ha sposato il progetto. Dopo mesi di preparazioni e ostacoli, causati dal Covid-19, l’uno e il due settembre, si è svolta a Bovalino una due giorni di formazione intensa e ricca esperienza. Sedici ore di lezione fra teoria e accoglienza di un soggetto autistico, al fine di capire come poter interagire per abbattere quelle barriere soprattutto culturali che separano noi da loro. Una sala consiliare gremita e attenta che ha raccolto la partecipazione dei rappresentanti del Centro Ce.J.Ri.,  delle associazioni presenti sul territorio come “Auser noi ci siamo” di Bovalino “Auser noi ci siamo” di Focà Caulonia, l’Unitalsi, il Bovalino Calcio a5 smile, l’associazione Infiorata Borgo Antico e la parrocchia San Nicola di Bari, oltre a dodici tra attività commerciali e sanitarie del Comune. «Muoversi in maniera pragmatica e con incisione su problematiche che non risparmiano certo il nostro territorio rappresenta uno degli obiettivi fondamentali del lavoro di un Garante, per questo è importante precisare che Linkaut – ha spiegato il Garante Maria Rita Canova- rappresenta soprattutto un importantissimo e oneroso impegno da parte delle istituzioni, amministrazione, associazioni e tutta la comunità, verso questa importantissima tematica. Come protagonisti di un mondo migliore- ha proseguito –  tutti insieme siamo responsabili nel garantire a tutti le stesse possibilità». Quello che Bovalino ha messo in campo è un progetto ambizioso, che consentirà alle persone autistiche e alle loro famiglie di non essere più soli. Abbandonare quel concetto assistenzialistico fine a se stesso, per investire sull’autismo creando un luogo dove un’intera comunità è formata per fare fronte alle esigenze  di ogni persona con questo tipo di disabilità,  è l’obiettivo di Linkaut ma soprattutto della cittadina bovalinese la prima Link@ut-Land d’Italia. Un progetto che ha riscosso successo e interesse per questo il prossimo ottobre vi sarà una seconda formazione per quanti vorranno aderire. 

VIDEO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui