Home Sport ASD SAN LUCA 1961, un pareggio che sa di sconfitta

ASD SAN LUCA 1961, un pareggio che sa di sconfitta

77
0

di Stefano Muscatello


L’ASD San Luca 1961 pareggia in casa contro la Polisportiva Santa Maria, il risultato recita 2-2, maturato con un doppio svantaggio e una doppia rimonta. Lo stesso è, però, incredibilmente beffardo e anche bugiardo in quanto per via della mole di giuoco e di occasioni da rete generate dalla società aspromontana, la squadra guidata da Francesco “Ciccio” Cozza, coadiuvato da Pasqualino Canonico e da uno staff eccellente, avrebbe meritato la vittoria netta su un Polisportiva Santamaria compatto e cinico ma meno brillante di un San Luca mostratosi “in palla” nonostante le condizioni proibitive del terreno di giuoco, dilaniato dalla pioggia battente riversatasi sul “Corrado Alvaro” di San Luca nella notte di sabato e durante tutta la giornata di domenica.

Come abbiamo già detto, la squadra di mister De Gaetano, trova due volte il vantaggio con la doppietta di D.Jonhson al 12° del primo tempo e al 23° del secondo ma viene ripreso rispettivamente da Maesano e Ariel Reinero al 46 della prima frazione e al 46° della seconda. Una gara ricca di goal, occasioni potenziali e fallite, soprattutto sui piedi di Reinero e Maesano che nonostante la loro bravura sciupano delle potenziali reti che avrebbero regalato una vittoria strameritata ad un San Luca ispirato come sempre da Leveque, dalla forza dell’intero gruppo, orfano però di Pelle.

Nota di demerito della gara va alla terna arbitrale che ha, aspramente, condizionato il già precario andamento del match, viste le già penose condizioni del manto erboso, innervosendo il match, le due compagini e i dirigenti delle stesse con una direzione esasperante e cervellotica, quanto mai troppo scientifica e poco valutabile rispetto alle reali condizioni in cui si stava svolgendo la disputa.
Anche lo stesso Francesco Cozza al termine della gara, ai nostri microfoni, a quelli dei canali sociali del club e a quelli degli altri giornalisti, ha tenuto a evidenziare il basso livello della terna siciliana chiamata alla direzione della gara e ha voluto stigmatizzare come il pareggio sia stato un buon risultato per il punto guadagnato ma per come è maturato va inteso come una mezza sconfitta, in quanto i suoi uomini avrebbero meritato ampiamente i tre punti. Il San Luca continua la sua cavalcata e ora andrà a Trapani con voglia di continuare a stupire ed affermarsi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui