Home Politica ACQUA PUBBLICA E ARRICAL Tutti i dubbi di Pietro Sergi

ACQUA PUBBLICA E ARRICAL Tutti i dubbi di Pietro Sergi

23
0

R. & P.

In queste ultime settimane è scoppiata la “crisi” tra molti Sindaci Calabresi e il Presidente Occhiuto sul tema della gestione acqua e rifiuti assegnata ad una nuova autorità regionale chiamata Arrical.

I Sindaci lamentano, tra le altre cose, il mancato coinvolgimento nel processo organizzativo e decisionale su questi due comparti assolutamente primari, soprattutto per ciò che riguarda l’acqua.

Sull’acqua, infatti, la discussione è rovente e la latitanza della Regione fa molto riflettere e discutere le Amministrazioni locali e quelle provinciali e metropolitane, con molte prese di posizione ferme da parte di molti comuni, anche importanti come Gioia Tauro e Reggio Calabria per ciò che riguarda la nostra area metropolitana.

Come Associazione Culturale sempre sensibile ai temi sociali, non possiamo certo tacere sulla questione della gestione idrica degli acquedotti che fino ad ora erano di pertinenza gestionale dei Comuni, che su questo fronte, almeno quelli autonomi da Sorical, erano riusciti a non indebitarsi per l’approvvigionamento idrico delle loro comunità.

Per noi, è in atto la privatizzazione e la svendita delle sorgenti montane, ultimo ed ormai unico baluardo rimasto per ciò che riguarda l’acqua intesa come bene pubblico, concetto sancito con un Referendum Popolare che si è tenuto nell’anno 2011 e che ha visto i Cittadini esprimersi per il 90% per il mantenimento pubblico di questo bene primario che mai dovrebbe diventare fonte di guadagno per i vari carrozzoni, trasformati molto spesso in veri e propri bacini di consenso elettorale.

D’ora in poi, i Sindaci dovranno consegnare le “chiavi” dei propri acquedotti alla nuova autorità regionale. Dalle prese di posizione dei Sindaci, Consiglieri Metropolitani Delegati, inoltre, veniamo a sapere della totale mancanza di chiarezza nella procedura di passaggio delle consegne, dell’organizzazione della nuova autorità che dovrà occuparsi di questi comparti oltre che di un contorto sistema di gestione dei proventi delle cartelle.

Quindi, se sulla gestione del comparto rifiuti il giudizio può rimanere in sospeso, quello sulla gestione idrica impone riflessioni di ordine sociale che vanno, addirittura, ad incrociare i diritti sanciti dalla Costituzione e che si contrappone in modo ancora più plateale alla volontà popolare espressa attraverso il succitato Referendum del 2011.

In tutto questo, bisogna dare atto ai Sindaci, a partire dal FF della Città Metropolitana che senza strumentalizzazioni politiche si è posto accanto ai suo colleghi Sindaci delle Amministrazioni Comunali, di essersi trovati compatti nell’evidenziare la mancanza di coinvolgimento e la totale mancanza di coordinamento organizzativo e informativo sul passaggio di consegne che sarebbe dovuto scattare già il due gennaio scorso.

Noi siamo solidali con le amministrazioni e con tutti i Sindaci impegnati nella difesa di questo diritto ed in particolar modo siamo vicini a quei Sindaci che dopo tanti sacrifici e impegno di risorse economiche si vedono, di fatto, espropriati dalla gestione delle opere da loro stessi realizzate ed in qualche caso ancora in fase di completamento.

L’acqua è un bene pubblico e come tale dovrebbe rimanere. Il Presidente Occhiuto ascolti i Sindaci e le Amministrazioni e i consiglieri ed Assessori Regionali che  in alcuni casi Sindaci lo erano fino a qualche giorno fa intercedano affinché si giunga quantomeno ad una situazione che consenta una gestione oculata di questo che è, a tutti gli effetti, un “esproprio coatto” di un bene primario perpetrato ai danni di Comuni e Cittadini.

Pietro Sergi

Presidente Associazione Culturale “Spiriti Liberi Calabresi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui