Caulonia: rinvenuti sulla spiaggia i resti di un cucciolo di balena

on . Postato in Mondo animale

di Simona Ansani

CAULONIA - Sono stati avvistati da alcuni bagnanti a Cauolonia Marina, questo pomeriggio, sulla battigia, i resti del corpo di un esemplare di cucciolo probabilmente di balena. Arenata fra i ciottoli e il bagnasciuga l’animale sarebbe lunga circa tre metri, anche se il suo corpo pare essere stato mozzato in due parti.

Già la scorsa estate un esemplare di Zifo, era stata avvistata spiaggiata vicino Monasterace. Purtroppo sono circa 2000 animali ogni anno che si arenano, con esiti spesso negativi, ovvero la morte degli stessi, a causa della disidratazione, oppure perché l’alta marea copre lo sfiatatoio. Solitamente gli spiaggiamenti sono dovute a cause naturali, perdita del proprio branco, oppure ai sonar, infatti ci sono stati diversi casi di balene arenate subito dopo che un sonar militare era stato utilizzato nella zona. Oppure probabilmente, come in questo caso, a causa di un pescaggio poco sicuro, dove a rimetterci è stata proprio il cucciolo di cetaceo, ributtata in mare una volta morta e fatta a pezzi. Dopo che una balena muore essa diventa fonte di malattie e inquinamento, a causa dell’alto isolamento termico del blubber, uno spesso strati di grasso vascolarizzato sottocutaneo, e rappresenta una delle maggiori ragioni per la caccia alla balena, perché una volta trasformato in olio di balena può essere utilizzato come cera per candele, come combustibile, o per la produzione di sapone, pelle e cosmetici. La temperatura interna della carcassa di una balensa può rimanere sui 30° C anche per tre giorni, rendendola un ambiente ideale per microorganismi anaerobici. 

 

I risultati sul cetaceo non destano allarmismi

 

Al momento del ritrovamento sono intervenuti sul posto il comando della Guardia di Costiera di Roccella Jonica, i veterinari Armocida Francesco eSanto Squillace del Servizio Veterinario Asp 5 Reggio Calabria distretto di Locri Area A; Stefania Giglio del centro Studi Cetacei Onlus di Pescara; il TP Romano Vincenzo del Servizio Veterinario Asp 5 Reggio Calabria distretto di Locri Area A. A seguito del sopralluogo la dottoressa Stefania Giglio ha confermato che si tratta di un cucciolo di capodoglio, physeter catodon, di sesso femminile di circa 8 metri e del peso di circa 800 kg morta probabilmente da un mese. I tecnici intervenuti non hanno riscontrato, dall’esame ispettivo esterno, nessun segno di malattie e parassiti tipici della specie e non si evince alcun sospetto di malattia trasmissibile all’uomo o agli animali. Sono in corso le operazioni per la rimozione della carcassa e smaltimento a norma di legge a cura del Comune di Caulonia.

 

L'angolo acuto

COSI ‘I CINEMA
L’espressione dialettale, particolarmente in voga tra gli over 50 del nostro comprensorio, sta ad indicare cose talmente grottesche, talmente surreali da non sembrare vere.
E il circolo del Pd di Siderno, di “cosi ‘i cinema” se ne intende. Lo scorso 3 aprile, infatti, ha preannunciato sulla propria pagina facebook ufficiale la proiezione del film di Walter Veltroni dal titolo “Quando c’era Berlinguer”, spacciandolo per un evento organizzato dallo stesso circolo.
Giusto il tempo di stropicciarci gli occhi ed esprimere un plauso ai militanti democrat sidernesi, che sebbene siano alleati di Alfano, Quagliariello e De Girolamo nel governo nazionale, hanno inteso organizzare un cineforum sulla pellicola dedicata al leader del Pci. Ma ci sbagliavamo. L’annuncio, infatti, specificava pure che il biglietto d’ingresso era di sei euro, come una proiezione normale.
In pratica, era come invitare qualcuno a cena pregandolo di portarsi da mangiare.
Ma non finisce qui.
Perché il valzer delle date e dei rinvii della proiezione, puntualmente comunicati dal solerte gestore della pagina FB del Pd di Siderno ricorda molto quello del più volte preannunciato e mai realizzato incontro pubblico a Siderno con la parlamentare Rosy Bindi.
9 aprile: è la prima data fissata, ma poi, viene rinviata “alla settimana successiva”, come riportato sulla pagina dell’evento FB.
16 aprile: è la seconda data fissata, con tanto di orari: 19.15 inizio dibattito e proiezione del film alle 20. Solo qualche ora prima la pagina FB informa del secondo rinvio.
5 maggio: potrebbe essere questa la volta buona per la proiezione, almeno stando all’ultimissimo aggiornamento. Così, almeno, si spera, visti i precedenti.
Ma accertarsi prima della possibilità di organizzare una cosa e comunicare data e ora quando si ha la certezza no, eh?
“Cosi i cinema”, appunto.