“USCIRE DALL’IMMOBILISMO” Mario Diano (Corsecom) scrive ai ministri Lezzi e Toninelli

“USCIRE DALL’IMMOBILISMO” Mario Diano (Corsecom) scrive ai ministri Lezzi e Toninelli

80
0
CONDIVIDI

R. & P.

Siderno, 21/03/2019
Al Ministro per il Sud
Sen. Barbara Lezzi
ROMA

Al Ministro per Le Infrastrutture e i Trasporti
On.le Danilo Toninelli
ROMA

OGGETTO: APPELLO DALLA LOCRIDE PER LIBERARE IL TERRITORIO DALL’IMMOBILISMO
Gentilissimi,
come noteranno dalle sigle che corredano il presente scritto, rappresentiamo il Coordinamento delle Organizzazioni Socio-Culturali-Economiche della Locride, territorio, che conta circa 140.000 abitanti, facente parte della Città Metropolitana di Reggio Calabria.
Siamo accomunati tutti dalla passione per questa terra, che, nonostante le sue mille difficoltà, non merita questo grave stato di abbandono.
In questi anni, abbiamo operato con la massima sinergia possibile anche insieme alle Istituzioni pubbliche del territorio, in particolare con l’Associazione dei 42 Comuni della Locride, ma i risultati non sono stati positivi. Anzi, è di oggi la notizia, diffusa dall’Osservatorio Banche Imprese (OBI), secondo cui il divario tra il Mezzogiorno e il resto del Paese, negli ultimi anni, è tornato ad ampliarsi pericolosamente. Questa parte di territorio è il Mezzogiorno del Mezzogiorno:
l’emigrazione dei giovani è aumentata in maniera esponenziale, il commercio e le attività produttive vivono una situazione di grave precarietà, l’attività turistica, che potrebbe rappresentare uno straordinario volano per uno sviluppo reale e produttivo sia dal punto di vista economico che sociale, non riesce a reggere la concorrenza delle altre aree più sviluppate.
I pubblici Amministratori del territorio hanno difficolta financo nella gestione ordinaria dei loro Enti. Da un’approfondita analisi effettuata dai nostri esperti abbiamo preso atto che le difficoltà maggiori di questa carenza di sviluppo derivano dalla mancanza di INFRASTRUTTURE PRIMARIE cosa che impedisce finanche alle deboli attività imprenditoriali di poter competere con gli altri mercati sempre più agguerriti e sostenuti da Politiche adeguate.
Le idee e i progetti ci sono ma nessuno ci aiuta a combattere l’immobilismo che regna anche su alcuni aspettio di maggiore urgenza di cui citiamo solo come esempi:
1) Completamento della Statale 106 Ionica fino a Reggio Calabria bloccata a Locri da diversi anni;
2) La modernizzazione della Ferrovia Jonica;
3) Il finanziamento del Contratto di Costa e delle Fiumare;
4) La messa in sicurezza della pericolosa; Galleria della Limina sulla Superstrada Ionio-Tirreno realizzata da oltre 40 anni e con una sola canna
5) il Parco Archeologico della Locride.
6) La Bovalino -Bagnara strada che collega lo Ionio. al Tirreno, da anni iniziata e poi bloccata.
Ci può essere, finalmente, anche da noi la speranza di un cambiamento per dare un segnale positivo alle nuove generazioni ?
Ci rivolgiamo a Voi, Signori Ministri, per invitarvi ad inserire nelle Vostre Agende una visita nel nostro territorio; potrà essere una dimostrazione concreta di una attenzione del Governo verso questo territorio e sarà per tutti noi una forte iniezione di fiducia. Immaginiamo una Storica Giornata, che consentirà alla Locride sana e laboriosa di dialogherà fattivamente con le SS.VV. e di8 individuare iniziative concrete per dare speranze ai nostri giovani.
Sarà nostra premura coinvolgere i Sindaci, i Politici del territorio, i Sindacati, nella speranza che l’occasione inneschi un nuovo modello di Cooperazione capace di creare Economia e Sviluppo in questa Area del Paese.
Sicuri che le SS.LL. recepiranno pienamente lo spirito della presente, sin da ora Vi ringraziamo vivamente rimanendo in attesa di un Vostro cenno di riscontro.
Cordialmente.

Il Presidente del CORSECOM
Mario Diano

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO