STILO Il consigliere comunale Sorgiovanni scrive alla MetroCity: “Pericoloso restringimento nella Sp9”

STILO Il consigliere comunale Sorgiovanni scrive alla MetroCity: “Pericoloso restringimento nella Sp9”

33
0
CONDIVIDI

R. & P.

Il Consigliere Comunale

Vincenzo SORGIOVANNI

Gruppo Autonomo

COMUNE DI STILO (RC)

Al Sindaco Metropolitano

Giuseppe FALCOMATA’

protocollo@pec.cittametropolitana.rc.it

 All’Ing. Pietro FOTI

Responsabile del Settore 11 – Viabilità

pietro.foti@cittametropolitana.rc.it

OGGETTO: Segnalazione e richiesta di intervento Sp9 c/da Nipitino di Stilo.

Il sottoscritto Vincenzo SORGIOVANNI, nato a Locri (RC) il 12.11.1989 e residente in Stilo (RC) alla Via P. Mascagni nr. 1/1, n.q. di consigliere comunale presso il municipio di Stilo, rappresenta.

Oramai da circa un lustro, in c/da Nipitino di Stilo (Sp9), insiste un pericoloso stringimento stradale, tant’è che il transito è ridotto ad una sola e stretta corsia. Il tutto, è stato determinato da uno smottamento che ha perfino implicato l‘interruzione del traffico veicolare nonché l’isolamento di alcuni centri abitati.

La Sp9, come risaputo, è l’unica arteria che collega Stilo, Pazzano e Bivongi alla SS106 ed è percorsa, quotidianamente, da tantissimi cittadini, dai mezzi della Società Mangiatorella nonché quelli della Ditta Federico – unica Società che garantisce il trasporto degli studenti. La Sp9 – tra l’altro – è l’unica via che collega i summenzionati paesi all’Ospedale di Locri e/o Soverato.

Siffatta strada è percorsa, poi, da migliaia di turisti, stante le meraviglie storico-culturali dei cennati centri.

Pleonastico ribadire che tale criticità, oltre a limitare lo sviluppo e la vivibilità della cittadinanza, espone a forti rischi gli utenti della strada, collocandosi in prossimità di un tornante.

E’ altresì innegabile la disattenzione e la mancata cura da parte dell’Organo competente, che – di certo – non ha inteso, sino ad oggi, rendere una condizione dignitosa alle proprie strade.

Quand’anche, lo Statuto Metropolitano all’art. 15.5 prevede il potenziamento delle strutture di viabilità, ma soprattutto il miglioramento della sicurezza stradale.

Pertanto, chiedo – sommessamente – quali iniziative siano state intraprese dalla Città Metropolitana per la definizione della criticità, stante l’evidente esigenza di risolvere l’emergenza.

In qualità di cittadino nonché consigliere comunale, chiedo che venga definito un serio programma e quindi venga garantita l’esecuzione dei lavori nel tratto in questione.

Ciò, possibilmente prima che accada una annunciata disgrazia, posto anche il concreto rischio di nuovi franamenti.

Ringrazio ed ossequio,

Stilo, 20 marzo 2019                    Vincenzo Sorgiovanni

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO