Se il cane morde il risarcimento può non essere dovuto

Se il cane morde il risarcimento può non essere dovuto

439
0
CONDIVIDI

Non sempre chi viene morso da un cane può essere risarcito, poiché il gesto del danneggiato può essere considerato colposo.

Il Tribunale di Ascoli Piceno, con la sentenza n. 1102/2016, ha respinto una richiesta di risarcimento danni che proveniva da un uomo che si è avvicinato a un cane per accarezzarlo e che è stato morso a un dito dall’animale. Come da sentenza, la responsabilità del padrone per i danni recati a terzi è esclusa dal comportamento colposo del danneggiato, per cui il proprietario è stato giudicato non responsabile per l’accaduto.

La responsabilità del proprietario

L’articolo 2052 c.c. prevede una responsabilità oggettiva a carico del proprietario di un animale che causi danni a terzi. Si tratta di una responsabilità presunta che esclude però gli episodi in cui il proprietario dia prova che l’accaduto sia un caso fortuito e che possa essere scaturito dal comportamento colposo del danneggiato.

Il caso in questione

Nel caso che è stato trattato dal Tribunale di Ascoli Piceno, come è stato anche provato da diversi testimoni, l’animale protagonista dell’episodio era chiuso nel suo recinto, sul quale era stato posizionato un cartello con la scritta “Attenti al cane”.

L’uomo che è stato morso dall’animalesi è avvicinato di sua iniziativa al recinto, per accarezzare il cane e per calmarlo. Questo comportamento costituisce, secondo il Tribunale, un caso fortuito che può escludere la responsabilità del padrone, poichè l’uomo si è avvicinato imprudentemente, senza necessità reali, al cane. L’animale era a lui sconosciuto e stava abbaiando, mostrando quindi un chiaro segnale di nervosismo.

Per questo la richiesta di risarcimento danni dell’uomo è stata respinta e il proprietario è stato ritenuto non responsabile per l’accaduto.

(Fonte Dogalize)

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO