Se il cane abbaia non è disturbo della quiete

Se il cane abbaia non è disturbo della quiete

61
0
CONDIVIDI

 

di Simona Ansani

Se gli ululati del cane non disturbano una pluralità di persone, ma solo un singolo vicino, non è configurabile il reato di disturbo alla quiete pubblica. È quanto si evince dalla sentenza della Prima Sezione della Corte di Cassazione n. 1394 (6 marzo 200).

 

{loadposition articolointerno, rounded}

 

La Suprema Corte ha affermato che affinchè vi sia disturbo alla pubblica tranquillità (art. 659 c.p.) “è necessario che i rumori siano obiettivamente idonei ad incidere negativamente sulla tranquillità di un numero indeterminato di persone”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO