RAITRE Il batterista Alessandro Commisso giovedì 22 alle 23 sarà protagonista del...

RAITRE Il batterista Alessandro Commisso giovedì 22 alle 23 sarà protagonista del programma “Ossigeno”

1084
0
CONDIVIDI

di Gianluca Albanese

SIDERNO – Uno su mille ce la fa. E quando quell’uno è un giovane di origine calabrese che si fa strada nel mondo della musica che conta, il piacere è doppio.

Il batterista Alessandro Commisso, classe 1990, sarà tra i protagionisti della trasmissione “Ossigeno”, il cui ciclo di programmazione parte giovedì 22 alle ore 23 sui RaiTre.

Il programma è condotto da Manuel Agnelli degli Afterhours e Alessandro suonerà con la cantautrice americana Joan Wasser, nota come Joan as a Police woman.

Una bella vetrina per il batterista che ha accompagnato, tra gli altri, il rapper Gaemon e ha collaborato col musicista Theo Teardo (famoso per la composizione di colonne sonore) e ha vissuto a Roma fino allo scorso mese di dicembre, prima di tentare il salto di qualità, trasferendosi a Milano. Un successo che non nasce per caso, il suo, ma è frutto di giornate intere di lavoro di preparazione, studio e disciplina, supportato dalla passione che lo anima fin da bambino e dalla sua famiglia che da sempre fa il tifo per lui.

Il suo processo di formazione musicale, tra l’altro, è stato lungo e complesso.

Ha studiato batteria al conservatorio a Campobasso, mentre a Roma ha fatto la scuola privata da Ettore Mancini, maestro di molti, tra cui Massimo Cusato.

Nel 2011 entra a far parte dei Luminal, band romana. Con loro fa un tour all’estero, scrivendo le musiche e suonando nel “Tattica e disciplina” tour.

Nel 2013 ha riscosso grandi soddfisfazioni con il disco “Io non credo” organizzato dal PIMI.

Successivi album usciti sono stati: “AmatorialItalia” (2013, Le narcise) e “Acqua azzurra e Totò Riina” (2015).

Nel 2014 i Luminal hanno partecipato alla riedizione dell’album “Hai paura del buio” degli Afterhours  e vantano due partecipazioni al concerto del I maggio a Taranto. Hanno scritto la colonna sonora del film “Paura 3D” con protagonista Peppe Servillo.

Sempre nel 2014, si sono esibiti come unico gruppo italiano a Villa Medici, sede dell’ambasciata francese in occasione del festival “Villa Aperta 2014”

Nel 2015 ai sono esibiti all’Arena di Verona come supporters dei Placebo, che li hanno scelti appositamente, dopo aver attirato l’attenzione di molte testate giornalistiche, tra cui “Repubblica”, il “Fatto Quotidiano”, “Rolling Stone” e dopo essere entrati nella classifica dei migliori album italiani di “Moby Dick”.

E se attualmente i Luminal sembrano vivere un momento di stasi, Alessandro ne approfitta per mettere a frutto l’esperienza maturata e fare il batterista “free-lance”.

A casa fanno tutti il tifo per lui, da quell’anziano prozio che suonava nella banda musicale di Siderno a mamma Francesca, che cantava nel coro della chiesa di Santa Maria dell’Arco.

Insomma, Alessandro ha sempre respirato musica a casa sua e ora arriva questa grande occasione di visibilità che – ne siamo certi – sarà solo il punto di partenza verso una carriera che gli riserverà grandi soddisfazioni.

Per ora guardiamolo in Tv, giovedì 22 alle 23 su RaiTre.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO