PRODUTTORI DI VINI GRECO E MANTONICO Il plauso di Mimmo Savica alla...

PRODUTTORI DI VINI GRECO E MANTONICO Il plauso di Mimmo Savica alla famiglia Ceratti

100
0
CONDIVIDI

R. & P.

Tre generazioni legate da una stessa grande passione: la ricerca dell’eccellenza nella produzione di vini. Così è stato per il fondatore dell’Azienda vinicola Ceratti, Umberto, e così è oggi, per Pasquale, suo figlio, e per Umberto, suo nipote che rappresenta la terza generazione. Oggi, Umberto Cerattiprosegue sulla strada della qualità tracciata dal nonno e dal padre, combinando tradizione e innovazione nella produzione dei pregiati vini passiti: Greco di Bianco DOP e MantonicoIGP. È essenziale per comprendere l’anima dell’Azienda Cerattiessere consapevoli del forte legame che da sempre unisce la produzione di questi due vini al territorio. Il Greco di Bianco, infatti, introdotto nel lontano VIII secolo a. C. dagli antichi Greci che sbarcarono sulla Costa ionica per fondare nuove colonie, si produce oggi esclusivamente nel Comune di Bianco e in parte di quello di Casignana.  Riguardo al Mantonico, la leggenda ne fa risalirel’utilizzo,da parte di indovini, al VII secolo a. C.. L’Azienda Ceratti che vede i suoi vigneti ubicati in C.da Palazzi del Comune di Casignana (tra Bianco e Bovalino), consapevole di questa importante eredità storica, ha sempre trattato con cura e rispetto questi due vitigni, ed oggi, ancora più sensibile ai temi della tutela e della preservazione di queste antiche specie, si è resa parte di un progetto di ricerca e di sperimentazione, ideato dalla Regione Calabria e dalla Facoltà di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria. L’Azienda Ceratti, infatti, proprio al fine di preservare la specie del vitigno Mantonico, ha realizzato un campo-collezione volto alla ricerca, in una tenuta dell’Azienda, situata proprio nell’area Rùdina-Scotì, che rientra tra i S.I.C. (siti di interesse comunitario) presenti in Italia. Si tratta della famosa “zona dei palmenti”, antichi manufatti di paleoviticoltura che testimoniano una lunga stratificazione di civiltà diverse, da quella ellenica a quella bizantina. Oggi per Umberto Cerattiil combinare tradizione e innovazione,oltre che costituire una sfida nel permettere all’azienda familiare di puntare a traguardi ulteriori rispetto a quelli raggiunti dalle precedenti generazioni, è un modo per tenere sempre viva quella passione chefa affrontare ogni più grande sacrificio con il sorriso. Nel tempo l’Azienda si è ingrandita e sono stati realizzati nuovi impianti, tanto che oggi sono circa 12 gli ettari coltivati a Greco di Bianco e Mantonico. A questa crescita è corrisposta una altrettanto crescente cura per il prodotto e per l’ambiente,nella visione di coltivare in maniera sostenibile (concetto applicato anche alle altre coltivazioni aziendali biologiche e ai relativi prodotti utilizzati nelle preparazioni dell’agriturismo di famiglia che è ubicato sempre in contrada Palazzi di Casignana, tra Bianco e Bovalino, accanto ai resti della Villa Romana Casinius).

Per esaltare la raffinata eleganza dei due passiti, Umberto, oltre a mantenere la versione classica dei due vini (con invecchiamento in botti di acciaio), ormai da un decennio, ha introdotto una nuova versione del Greco di Bianco e del Mantonico, frutto della tecnica del passaggio,per i quattro mesi prima dell’imbottigliamento, in barriques (piccole botti in legno di rovere della capacità di 225 litri), con risultati che hanno conquistato sommeliers e  degustatori anche oltre i confini nazionali. Pur se l’Azienda è specializzata e nota nella produzione di vini passiti, non da meno è la produzione di vini da pasto: un’etichetta rossa e una bianca per due vini da tavola di grande struttura.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO