LOCRI – La Demolizione del Palazzo (ruderi) VACCA (REPORTAGE ESCLUSIVO)

LOCRI – La Demolizione del Palazzo (ruderi) VACCA (REPORTAGE ESCLUSIVO)

6980
2
CONDIVIDI

Demolizione RuderiVacca

Immagini e Reportage a cura di Enzo Lacopo © 2019

LOCRI – Quella di oggi 9 Giugno 2019 è una data storica per la Città di Locri. La demolizione del Palazzo Vacca, costruito intorno al 1880 e bombardato durante le seconda guerra mondiale.

L’impresa e proprietaria dell’immobile la EDIL PEDULLA‘ di Locri, ha provveduto a demolire per poi ricostruire un immobile con le stesse linee, vani, cubatura e volumetria il tutto, ovviamente rivisitato in chiave moderna.

Di seguito le immagini e il REPORTAGE ESCLUSIVO step by step, della durata di 23min. e 39 sec. della demolizione del rudere, che ha impegnato lo Staff dell’impresa e gli attenti lavoratori, tra i quali un ruspista d’eccezione, a ben 5 ore circa di intenso lavoro.

FOTOGALLERY

Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca Demolizione RuderiVacca

REPORTAGE ESCLUSIVO (Step by Step)

 

 

2 COMMENTI

  1. L’ennesimo scempio edilizio calabrese. Che senso ha demolire un palazzo che si poteva benissimo restaurare ricostruendo le parti mancanti. È brutta l’ignoranza. A questo punto, piuttosto che un falso finto antico meglio un ennesimo palazzone in cemento armato. In Calabria si continuano a demolire le testimonianze del passato e poi pretendiamo che i turisti vengano da noi. Ma a vedere che?

LASCIA UN COMMENTO