Home Arte e Cultura LEI AMA ME 12 minuti di applausi per l’ultima fatica di Migliaccio...

LEI AMA ME 12 minuti di applausi per l’ultima fatica di Migliaccio Spina

419
0

di Simona Masciaga

PORTIGLIOLA – Solo poco più di un’ora di spettacolo ma 12 minuti di applausi: così, ieri, il folto pubblico di Portigliola ha encomiato i quattro protagonisti della Locriteatro, diretta da Bernardo Migliaccio Spina, nella rappresentazione teatrale “ Lei ama me”, una prima assoluta che ci ha fatto sorridere e al contempo riflettere.

L’opera liberamente tratta da “ La signorina papillon” di Stefano Benni, ideata e rappresentata negli anni 80, trova perfetta collocazione nell’attualità come stereotipo di una società corrotta e corruttibile, alienata da problematiche controverse, dove non più il dialogo, bensì il dibattito dalla voce grossa e preponderante, diviene il protagonista assoluto spesso diventando un monologo inconcludente, deludente e paturniale.

Lo stesso regista ci ha dichiarato di aver scelto questo testo in quanto: “ Trattasi di analisi profonda del nostro storicismo, dell’attuale, di una realtà satura di problematiche svariate che, rasenti all’inverosimile, comportano ilarità e al contempo profonda riflessione. Solitamente metto mano ad opere drammatiche, emotivamente forti; ora, tenendo conto dell’attualità e del periodo di crisi che si sta attraversando ho deciso di intraprendere un nuovo percorso teatrale fondato sull’ironia con solida base storica e contemporanea al fine di scuotere gli animi, strappando un sorriso a volte si risvegliano le coscienze umane. Non potevo portare direttamente Arlecchino e la commedia dell’arte in scena senza aver prima programmato un’ evoluzione graduale e ben precisa”.

L’opera in se, può essere considerata una visione onirica della realtà e della decadenza contemporanea ammantata di un’agguerrita e surreale critica alla società di sempre senza spazio e senza tempo in una Parigi che rappresenta qualsiasi luogo e personaggi facilmente identificabili in chiunque, dove inganno, sete di potere,ambizione, corruzione, egoismo e molto altro contaminano quel “ giardino di rose e farfalle” idealizzato ed etereo.

Fantastica l’interpretazione di Giulia Palmisano nei panni di Marie Louise l’arrivista e disinvolta, ambigua amica della candida Rose interpretata dalla giovanissima Maria Chiara Spatari; la Palmisano, con maestrale padronanza scenica, è riuscita, in breve tempo, ad uscire dai ruoli fortemente drammatici quali “Adele”, tratto dall’omonimo romanzo di Giuseppina Torregrossa e riadattato sempre da Bernardo Migliaccio Spina, e abbracciare interpretazioni ben più frivole e leggere dimostrando grande talento e facilità di interiorizzazione dei personaggi.

Logico e facile innamorarsi di Rose, dolce, tenera, sognatrice e del suo giardino dalle 108 rose che “spampano poiché intaccate da un morbo misterioso” o che assumono l’aspetto di “ rose erotiche protese come bocche in un bacio dagli amplessi indicibili” o che diventano “menophila pedofila” : un giardino apparentemente pudico, sano, pulito, quasi evanescente rivela l’agghiacciante pratica di trafiggere farfalle vive con spilli appuntiti per farne mostra o oggetto di decorazioni per la vanità femminile. Anche nel giardino fatato di Rose tutto può succedere: inganno, delitto, lussuria, corruzione, sete di potere, perpetrata da  Armand (Francesco Origlia), ambiguo membro di una loggia massonica, pronto a tutto e il poeta Millet (Giuseppe Sgambellone), mellifluo, ammaliatore, terrorizzato dai bombi. Un plauso va ai due coprotagonisti maschili sia per interpretazione che per dimestichezza linguistica: i due hanno riversato fiumi di parole senza pausa e senza mai inciampare nella dizione.

Un mondo incantato corrotto e corruttibile anche nelle forme più alte degli ideali, ecco il messaggio lanciato da Migliaccio Spina e la sua compagnia teatrale che, nella suggestiva cornice del teatro greco-romano di Portigliola trova la location ideale; a tal proposito va un elogio al sindaco di Portigliola dott.Rocco Luglio per aver ricondotto all’antico splendore, attraverso il teatro, quel sito archeologico, dal valore inestimabile.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui