LEGAMBIENTE Lettera aperta alle istituzioni regionali sul rischio di dissesto idrogeologico

LEGAMBIENTE Lettera aperta alle istituzioni regionali sul rischio di dissesto idrogeologico

21
0
CONDIVIDI

R. & P.

In questi giorni abbiamo ricevuto molte sollecitazioni sui disastri prodotti dal maltempo (o dall’uomo?) per dire cosa pensa Legambiente. Ritengo quasi inutile fare l’ennesimo comunicato o dichiarazione.

Sarebbe auspicabile un incontro tecnico, sul quale concorda l’Ufficio di presidenza e la struttura del dott. Siviglia, in cui vengano coinvolti tutti i soggetti interessati per fare il punto sul dissesto idrogeologico nel nostro territorio che merita analisi, discussione e proposta.

Tre anni fa – sempre nella stessa area della Sibaritide – il Crati esonda distrugge gli scavi archeologici di Sibari (si disse a causa degli argini rotti dalle “nutrie”), si dimentica la nostra denuncia sul Coriglianeto di centinaia di case abusive nell’alveo fluviale e di un immobile in un’area dedita a vasca di laminazione, degli agrumeti impiantati negli alvei dei fiumi e le denunce di occupazione illegale nel demanio fluviale dell’allora sovrintendente archeologica.

Si dimentica il disastro di Rossano a causa della deviazione di un corso d’acqua per realizzare immobili, fiumi tombati in pieno centro abitato per realizzare con fondi comunitari palazzi e marciapiedi.

Non ci si rende conto, non ci si vuole rendere conto, che il territorio regionale è fuori controllo, non è manutenuto, non vi è nessuna attività di prevenzione (argini e fiumi non ripuliti ma luogo di abbandono di rifiuti, di prelevamento illecito di inerti).

Incendi che hanno devastato molta parte del territorio regionale e non vi sono più le attività di manutenzione del bosco, ma vi sono tanti tagli e tanti sono abusivi.

Rispetto a tutto ciò le istituzioni cosa fanno, come governano il territorio?

Allora mi sono confrontato con la Regione Calabria e con il Dirigente U.O.A. Forestazione e Montagna e ho appreso, con sorpresa, che tutto è noto, che tutto è stato monitorato e pianificato e che il problema sono le risorse.

Il dottore Siviglia mi ha indicato la Delibera del Comitato Istituzionale n. 2 dell’11 aprile 2016 nella quale si riscontrano tutte le nostre analisi. Quindi la Regione conosce lo stato della difesa del suolo ed ha una programmazione.

Nel documento realizzato dall’Autorità di Bacino della Regione Calabria “Difesa del Suolo. Stima dei costi e stato di attuazione degli interventi di messa in sicurezza”: all’allegato 1 si legge: l’elevata antropizzazione localizzata proprio in prossimità di zone vincolate a rischio idraulico, l’insufficiente cura manutentiva dei corsi d’acqua, le attività estrattive in alveo spesso abusive, la cementificazione non controllata, concorrono a rendere il territorio particolarmente vulnerabile a tali eventi. La concomitanza di questi fattori, associata alle caratteristiche geomorfologiche del territorio regionale, nonché alla manifestazione di eventi pluviometrici sempre più intensi e frequenti a causa dei cambiamenti climatici su scala mondiale, compromettono il delicato equilibrio idrogeologico del suolo. Rispetto a questo da anni denunciamo abusi ed illeciti, chiediamo ad esempio di dare seguito alle ordinanze di demolizione in varie parti della Regione e di de localizzare i manufatti in aree a rischio, ma nulla succede.

Nel documento si dice ancora: si rileva che tali fenomeni, nella gran parte dei casi, si ripetono nelle stesse zone e con caratteristiche sostanzialmente analoghe, interessando prevalentemente bacini idrografici di piccole e medie dimensioni. Allora se così è ci chiediamo poi perché non si programmano interventi e non si attivano gli Enti come i Consorzi di bonifica e Calabria Verde?

E poi: alla frammentazione del territorio in più di 1000 bacini idrografici con superficie maggiore di 0,5 mq, alla sua elevata sismicità, al regime pluviometrico, fa riscontro una diversa distribuzione degli insediamenti umani verso le zone costiere e/o verso i bordi dei rilievi collinari fino all’occupazione di aree di incerta stabilità. A queste dinamiche geo-antropologiche – prosegue il documento – sono da correlare le esondazioni dei corsi d’acqua, gli elevati volumi solidi trasportati a valle per effetto della franosità dei bacini montani, il sovralluvionamento delle porzioni vallive e la loro crescente pensilità.

Ma perchè esonda il Crati? Perchè è un fiume aggredito, devastato.

Esiste anche uno strumento il cosiddetto Contratto di fiume, purtroppo anche quello solo sulla carta che non realizza e non raggiunge i suoi obiettivi di difesa e valorizzazione del territorio.

In tutte le grandi civiltà i fiumi hanno rappresentato e rappresentano ricchezza (come ad esempio la Senna a Parigi, il Tamigi a Londra ed altri). Da noi in Calabria, invece, i fiumi hanno determinato tragedie: vittime, danni all’agricoltura e alla zootecnia, solo per fare un esempio ricordiamo la tragedia di Lamezia e del camping “Le Giare” di Soverato del 2000.

Tutti questi eventi ed i conseguenti danni sottolineano l’urgenza di un approccio organico alle problematiche di difesa del suolo indirizzato ad un ripensamento complessivo delle strategie regionali che non possono prescindere dall’attuazione di una seria politica di prevenzione.

Viviamo invece in una regione e in un Paese in cui si passa da emergenza ad emergenza, ripetendo sempre gli stessi errori con sperpero del denaro pubblico.

Ancora nel documento citato si riscontra che: in Calabria è enorme il divario tra i fondi ordinari spesi per la difesa del suolo e quelli per la gestione delle emergenze: si stima che il rapporto fra i primi e i secondi sia pari a 1 su 10, imputabile al permanere in Calabria, ma anche in altre aree del Paese, di un regime di emergenza nel governo dell’uso del suolo e delle acque. Tutto ciò è stato tradotto nell’emissione di numerose ordinanze. Basti al riguardo considerare che la sola Ordinanza di Protezione Civile n° 3081 (ordinanza Soverato) è costata all’erario pubblico 484 milioni di euro e che, se è vero che molte risorse sono state destinate alla prevenzione, è altrettanto vero che è mancata la pianificazione a scala di bacino.

Infatti, l’utilizzo dei piani straordinari, unitamente alle ordinanze della Protezione Civile, portano ad interventi di emergenza, basati fondamentalmente su attività di ripristino della situazione precedente all’evento e di riassetto locale del livello di sicurezza. La tendenza è, quindi, quella di trascurare gli interventi a carattere preventivo che potrebbero, invece, garantire un miglioramento dell’equilibrio idrogeologico del territorio sicuramente non solo temporaneo.

I fondi stanziati sono corposi ma non sono stati indirizzati ad opere di prevenzione e questo ci riporta alla necessità di intervenire per tempo con un’operazione capillare contro il dissesto idrogeologico. Questi dati confermano l’approccio emergenziale che si è avuto negli anni, trascurando interventi strutturali di mitigazione del rischio idrogeologico come la manutenzione delle sponde per mezzo di tagli della vegetazione impropria, una pulizia periodica degli alvei secondo un piano programmato, miglioramenti forestali, provvedimenti antierosivi, riqualificazioni di aree con attraversamenti fluviali. Tutti interventi che messi a regime costerebbero di meno delle diverse ordinanze. E dal documento si evince che si necessiterebbe di ulteriori 258 interventi per oltre 460 milioni di euro.

Nella nostra Regione, purtroppo, non si pone un freno al consumo di suolo ma si continuano a programmare interventi edilizi con colate di cemento da Montepaone a Caraffa, realizzazione di grandi impianti eolici (come per esempio nei comuni di Mongrassano e Cervicati) con interventi che devastano il territorio per realizzare tracciati carrabili, mentre il PAI (Piano Assetto Idrogeologico) della Calabria è in perenne adeguamento e le aree soggette a vincolo passano da 602 Kmq del 2001 a ben 2400 kmq del 2015 e quindi si quadruplica il rischio nonostante gli interventi post emergenza. Nonostante la disciplina legislativa urbanistica si costruisce in ogni dove se è vero come è vero che tanti sono ancora gli abusi edilizi, e le ordinanze di demolizione restano sulla carta (solo il 6% sono diventate esecutive).

Lo diciamo da anni la più grande opera pubblica di cui abbiamo bisogno in Calabria è la manutenzione del territorio.

 

 

 

 

 

 

Solo a livello esplicativo si riportano alcune tabelle sul rischio alluvioni:

 

 

 

 

 

 

Il Presidente

dott. Francesco Falcone

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO