IL GRAND TOUR NELLA CALABRIA ESTREMA Venerdì 1 da MAG Franco Tuscano...

IL GRAND TOUR NELLA CALABRIA ESTREMA Venerdì 1 da MAG Franco Tuscano presenta il saggio sulla nostra terra vista con gli occhi dei viaggiatori stranieri

90
0
CONDIVIDI

La Calabria, per i visitatori giunti da terre lontane, è una bella scoperta. Lo è sempre stata. Fin da quando i viaggiatori mostrarono, al di là di quel coraggio che una certa vulgata voleva attribuire a quelli che si avventuravano in una “terra maledetta abitata dai selvaggi d’Europa”, quella curiosità intellettuale che permise loro di scoprire posti bellissimi e abitati da gente generosa e ospitale, intrisa di quella filoxenìa di chiara derivazione ellenica, essendo, in particolare la Calabria estrema, roccaforte greca in terra latina.

Un utile compendio per approfondire questi aspetti, e magari le opere principali dei più celebri visitatori della nostra terra è costituito da “Il Grand Tour nella Calabria Estrema” (2016, Rubbettino) del docente ed esperto in lingua, storia e cultura delle minoranze grecofone Franco Tuscano, realizzato grazie a una felice intuizione del GAL “Area Grecanica” nell’ambito del PSR Calabria 2007/2013 – Asse IV – Piano di Sviluppo Locale “Nèo Avlàci”.

Agile strumento di consultazione basato sulla letteratura odepòrica, ovvero “attinente al viaggio” e arricchito da numerose illustrazioni d’epoca, il saggio di Tuscano abbatte ogni pregiudizio sui calabresi, eredi di quegli antichi Bruzi che, già nerbo delle milizie di Spartaco, vennero considerati, per estensione, fin dai tempi antichi alla stregua di “persecutori di Cristo”.

Dalla verosimile trasferta di Platone nel IV secolo A.C., nel corso della quale fustigò i costumi di quegli italioti descritti come dediti ai piaceri della tavola e del sonno, fino al viaggio di San Paolo nel 67 d.C. (quando una candela usata a mo’ di clessidra per misurare il tempo del suo discorso pubblico, finì per causare l’incendio del marmo della colonna su cui poggiava), il narrato arriva fino al XVI dei viaggi dei pittori fiamminghi nella nostra regione, per giungere al vero e proprio inizio dei Grand Tour nella nostra regione, che divenne meta di viaggiatori e studiosi di mezza Europa. Un costume che raggiunse l’apice nel 1847 col viaggio estivo di Edward Lear che visitò 37 paesi “mosso da intenzioni di puro godimento estetico e spirituale di contemplazione della natura” fino al ‘900 di Douglas, Destreè e Albini, e soprattutto di Gerhard Rohlfs, il tedesco che trascorse più di 60 anni in Calabria, imparando a menadito i dialetti parlati nei 365 paesi visitati.

“Il Grand Tour nella Calabria Estrema” verrà presentato venerdì 1 febbraio nello spazio culturale “MAG. La ladra di libri” di corso Garibaldi, 281 a Siderno, quando, col prezioso contributo della dottoressa in Sociologia Cesira Gemelli, Gianluca Albanese dialogherà con l’autore.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO