Home Ambiente e Sanità FELICI DA MATTI Campione di Economia Circolare

FELICI DA MATTI Campione di Economia Circolare

436
0

R.& P.

Martedì 28 febbraio, in occasione della tappa a Paola (Cs) del Treno Verde, il convoglio ambientalista di Legambiente e Ferrovie dello Stato, con la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, la cooperativa sociale “Felici da Matti” di Roccella Ionica ha ricevuto il premio “Campione di Economia Circolare”.

Sono state sette le realtà che si sono distinte insieme alla cooperativa roccellese in questo settore e che, salite sul podio del Treno Verde, sono state premiate con una medaglia realizzata con “The Breath”, un innovativo tessuto in grado di assorbire e disgregare le molecole inquinanti.

E’ possibile approfondire  le loro storie sul portale www.trenoverde.it che racconta attraverso una mappa interattiva il viaggio del treno ambientalista lungo la penisola.

All’evento hanno preso parte, tra altre personalità, Laura Brambilla, portavoce del Treno Verde e Francesco Falcone, presidente di Legambiente Calabria.

«L’economia circolare – ha sottolineato Laura Brambilla – è un’economia che fa bene al Paese, visto che secondo la Commissione Europea potrà permettere di creare, entro il 2030, 580 mila posti di lavoro in Europa e 190 mila in Italia. Per questo Legambiente chiede alle Istituzioni europee un quadro di norme molto ambizioso, con regole chiare e precise, per un tema decisivo per il nostro futuro”.

Tra i “campioni” di economia circolare, anche la realtà cooperativistica “Felici da Matti”, già premiata da Legambiente nel 2016, con una menzione speciale per le Buone Pratiche.

Inserimento sociale, economia circolare, tutela ambientale e uno sguardo rivolto agli emarginati è ciò che anima i soci della cooperativa che dal 2003 operano sul territorio calabrese con la raccolta e la trasformazione e riuso di abiti usati. Dal luglio di tre anni fa, oltre ad occuparsi del recupero degli abiti usati, Felici da Matti, ha stretto un accordo con il Comune di Roccella Ionica per diventare anche Centro di raccolta comunale degli oli vegetali esausti.

Il progetto, denominato “Non buttarlo nel lavandino …o siamo fritti”, ha permesso alla cooperativa di stringere accordi anche con altri Comuni calabresi.

Dalla raccolta degli oli, nasce il “Bergolio”, un ottimo sapone fatto in casa aromatizzato al bergamotto.

La presidente dott.ssa Maria Teresa Nesci, dopo aver ringraziato Legambiente nella persona di Francesco Falcone e Laura Brambilla per la vicinanza alla realtà che rappresenta, ha evidenziato che “tutto può essere riutilizzato e che un rifiuto è una risorsa che permette di recuperare anche antiche tradizioni calabresi. È necessario credere a questo nuovo esempio di economia che permette di passare da un modello di semplice riduzione di impatto ambientale a un modello economico alternativo di creazione di valore, attraente e positivo sul piano sociale, economico e ambientale.”

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui