CILIEGIE Le più buone vengono coltivate in Calabria

CILIEGIE Le più buone vengono coltivate in Calabria

1417
0
CONDIVIDI

di Redazione
Il comparto italiano dell’agroalimentare rappresenta uno dei vanti più prestigiosi del nostro Paese, tanto da attrarre anche un gran numero di acquirenti stranieri. Eppure, se si entra nello specifico, è possibile trovare alcune realtà italiane che, più di tutte, si pongono all’attenzione di questo settore per via di eccellenze impossibili da trovare altrove. Un esempio? La Calabria che, fra le tante cose, può addirittura vantare la ciliegia più bella d’Italia.

Stando all’esito del Concorso Nazionale ‘La ciliegia più bella d’Italia’, svoltosi a Bari e giunto alla sua 18esima edizione, la ciliegia di Roseto Capo Spulico è in assoluto la più prestigiosa del nostro Paese. Secondo il consigliere regionale Mauro D’Acri, ci troviamo al cospetto di un’autentica perla della produzione agroalimentare calabrese, che riscuote grandissimo successo non solo in Italia, ma in tutto il mondo. Ed il merito va all’imprenditoria delle aziende calabresi, capaci di sfruttare questo traino per creare una macro-struttura di produzione in grado di valorizzare non solo la ciliegia di Roseto Capo Spulico, ma anche altre realtà DOP e IGP della regione.

Il fatto che le ciliegie calabresi stiano facendo incetta di premi è una cosa molto interessante, ma non certo la più interessante. Il motivo che rende le ciliegie così attraenti, infatti, è la possibilità di poterle gustare, soprattutto durante la stagione estiva dato che si tratta di frutti ricchi di acqua e di vitamine. Sono infatti tantissime le gustose pietanze che possono essere preparate grazie a questi frutti, come ad esempio le insalate, i dolci e le coloratissime torte. Ad esempio, seguendo la ricetta offerta dal sito web DonnaD.it potrete preparare in casa una golosissima confettura di ciliegie perfetta per rinfrescare i vostri pomeriggi e per partire con il piede giusto a colazione.
Ma la Calabria non è nota solo per via della ciliegia di Roseto Capo Spulico, ma anche per via di altri frutti e varietà molto particolari, come ad esempio le classiche arance calabresi, i bergamotti, le buonissime arance clementine, i limoni, i mandarini, i cedri e le prugne. Inoltre, dato che siamo in estate, non potremmo non citare i meravigliosi fichi calabresi: un frutto prettamente estivo che si presta a tantissimi utilizzi, sia come condimento, sia come base per le marmellate. Infine, merita una citazione anche il melone della Calabria: fresco, colorato e particolarmente adatto per qualsiasi pasto per le giornate più afose.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO