Home Politica ARDORE Primo incontro pubblico in vista della campagna elettorale

ARDORE Primo incontro pubblico in vista della campagna elettorale

189
0
R. & P.
Inizia ufficialmente la campagna elettorale del comitato civico ardorese con un importantissimo convegno che si celebrerà venerdì 15 febbraio alle ore 17.30 alla biblioteca comunale di Ardore Marina.

Un incontro che verterà sull’accesso a particolari fondi europei ed alla possibilità di comuni ed imprese di fare rete per realizzare un ambizioso progetto interregionale di sviluppo, partendo dall’idea di successo avuta a Sellia, promossa dall’imprenditore Claudio Rebusco. Relazioneranno appunto Claudio Rebusco, ideatore dell’albergo con ospitalità diffusa e l’ing. Alfredo Cestari, presidente del gruppo che porta il suo nome che si occupa prevalentemente di progettazione e realizzazione di grandi opere.
Le introduzioni saranno affidate ai politici locali Gianfranco Sorbara e Roberto Marando, che si stanno adoperando a costruire una coalizione per competere alle prossime elezioni per il rinnovo del consiglio comunale.
“Sono ormai settimane che ho evitato le interviste pubbliche per cercare di capire con esattezza l’evolversi della situazione”, dichiara Sorbara, “ma mi dispiace un po’ notare ambiguità nei diversi gruppetti che ambiscono a costruire una lista per le elezioni di maggio; noi siamo stati finora fin troppo lineari e trasparenti: abbiamo sempre rivendicato la centralità del comitato civico e del programma che intende realizzare se chiamato ad amministrare, non abbiamo mai imposto candidature proprie se pur le avanziamo con orgoglio, perché non ci riteniamo inferiori a nessuno e consideriamo veramente poco eleganti alcune dichiarazioni di presunti capi elettori che tendono a svilire la nostra quotidiana azione e presenza sul territorio.
Che ognuno si vada a guardare chi ad Ardore ormai da anni organizza qualsiasi attività, dai convegni, alle attività sociali o politiche: troverà sempre almeno un componente del comitato. Ed i cittadini lo stanno ben comprendendo. Come fare quindi a disconoscere tale comunità umana creatasi?
Noi lavoreremo fino a quando sarà possibile per unire le forze con altri gruppi, senza preclusioni alcune, per creare un progetto politico quanto più allargato, ma certamente non finiremo risucchiati in liste di cui non saremo protagonisti sin dalla loro nascita. Attendiamo quindi di capire chi intenderà aprire un dialogo. Se sarà il caso non avremo difficoltà a bussere con umiltà in tutte le case degli ardoresi per promuovere le nostre idee e poi lasceremo ad essi scegliere, non ai “capi elettori”.
Venerdì presenteremo di fatto il nostro primo punto del programma, “l’albergo diffuso”, e nelle prossime settimane svilupperemo gli altri punti programmatici con incontri pubblici nella nostra sede sita in via Carducci”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui