Il sindaco di Sant'Ilario dello Ionio Brizzi ai colleghi della Locride: "La Regione è inerte, troviamo una soluzione prima che la situazione superi ogni livello di allarme"

on . Postato in Politica

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

«La gestione dei rifiuti urbani nella Locride attraversa da anni enormi difficoltà e ormai versa in una situazione che rasenta l’assurdo. Il commissario per l’emergenza rifiuti, prima, e il dipartimento per le politiche ambientali della Regione Calabria, poi, non sono mai riusciti ad attuare una programmazione seria, mentre spicca l’assenza totale di condivisione delle scelte con il territorio e con i Comuni. Oggi ci troviamo così in un’“ottima disorganizzazione”. Per questo, cari colleghi, non possiamo restare a guardare e attendere che l’estate moltiplichi le difficoltà in maniera incontrollabile». Così il sindaco Pasquale Brizzi chiama i primi cittadini del comprensorio locrideo a un’azione sinergica, che li veda tutti uniti nell’affrontare una problematica la cui risoluzione appare tanto difficile quanto urgente e indifferibile.

Amatori, turno di fine stagione. Aspettando le semifinali provinciali

on . Postato in Sport

RISULTATI E CLASSIFICA DOPO LA TREDICESIMA GIORNATA DEL GIRONE DI RITORNO

Amatori Grotteria - Amatori Africese 0-0

Amatori Mammola - Amatori Bovalino 8-2

Roccella - Calcio Forense 5-3

Vavalaci Siderno - Amatori Caulonia 1-1

Amatori Locri - Sparta C.S.C. 3-0 a tavolino

Amatoriale Benestarese - Amatori Calcio Locride 2-3

Ha riposato l'Azzurra Amatori

Esercitazione della sede Era di Locri per verificare la copertura del segnale radio da utilizzare in caso di calamità

on . Postato in Costume e Società

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

LOCRI - L’ERA (EUROPEAN RADIOAMATEURS ASSOCIATION)   sezione di Locri tra le varie attività si occupa di garantire le comunicazioni di emergenza in caso di calamità tra il COM (Centro Operativo Misto) di Locri e i Comuni di competenza, a tale scopo in data 23 e 24 Maggio 2015 i  volontari si sono attivati al fine di verificare la reale  copertura radio tra svariati punti dei Comuni di Locri, Gerace Antonimina e Portigliola ed il suddetto  COM.  L’Associazione , in occasione dell’esercitazione  ha allestito due unità mobili assolutamente autonome   effettuando numerosissime prove di collegamento radio con diverse apparecchiature e in varie condizioni di esercizio. 

"Le Radici della Memoria", parole, immagini ed emozioni di una giornata in ricordo delle Vittime di mafia

on . Postato in In primo piano

di Emanuela Alvaro (ph. Enzo Lacopo)

SIDERNO – Una giornata all’insegna dello sport e della collaborazione per ricordare le vittime della mafia nel decennale dell’uccisione di Gianluca Congiusta. “Le Radici della Memoria” è stato tutto questo ed anche la voglia di essere partecipi di un cambiamento per una società civile che deve fare il salto di qualità. Per ricordare e far si che “Le Radici della Memoria” diventasse qualcosa di più di una commemorazione fine a sè stessa, tante le associazioni, tra le quali una menzione particolare per Cambi@menti, sicuri di non far torto a nessuno, hanno reso tutto questo reale e ricco di emozioni, cercando nel possibile di non cadere in una facile retorica.  

Marina di Gioiosa Ionica, Vestito: “In questi 18 mesi di lavoro per noi la partecipazione dei cittadini è diventata azione politica”

on . Postato in Politica

di Emanuela Alvaro

MARINA DI GIOIOSA IONICA – Avviando i lavori dell’incontro ricordando quello che, dal 1992, significa per tutta l’Italia il 23 maggio, giorno dell’uccisione del giudice Giovanni Falcone, della moglie e degli agenti di scorta e chiudendolo ricordando ai convenuti di essere presenti oggi a Siderno a “Le Radici della Memoria” giornata commemorativa in ricordo di Gianluca Congiusta, il 24 maggio ricorre il decennale dell’uccisione, e con lui tutte le vittime della mafia, il sindaco Domenico Vestito con il suo gruppo di lavoro, ha raccontato ai cittadini, ciò che hanno significato e quello che si è prodotto nei diciotto mesi di amministrazione.

Peppe Raffa: «Basta passerelle a Platì»

on . Postato in Politica

di Giuseppe Raffa*

PLATI'  - La politica vuole conquistare Platì.  E lo fa tentando di espugnare con la retorica  un paese che la stessa politica, soprattutto quella egemone ed espressione di governo, non ha mai saputo o voluto capire. In questa piccola comunità aspromontana lo Stato ha sempre mostrato i muscoli. E questa sua strategia repressiva, alternativa  ad  una seria ed adeguata azione pedagogica e di sviluppo, ha provocato una grande sfiducia nei confronti delle istituzioni, al punto che nessuno dei platiesi si è candidato alle elezioni per il nuovo consiglio comunale. Lo Stato ha nuovamente perso e se vuole guadagnare fiducia deve affidarsi ai fatti. Le parole, le promesse, i buoni propositi non bastano più.    

Il Siderno torna in Promozione. Vittoria dedicata ai quattro angeli morti sulla Jonio-Tirreno

on . Postato in Sport

di Gianluca Albanese (ph. Aldo Rossi)

SIDERNO - Per scelta editoriale, da un paio di stagioni abbiamo deciso di non occuparci di calcio dilettantistico. La ragione è semplice: la nostra redazione, attiva 24 ore su 24 sette giorni su sette, non è attrezzata per seguire in maniera sistematica i campionati che vedono impegnate il nostro comprensorio. Poi, ci sono i colleghi di stadioradio.it che svolgono un grandissimo lavoro in questo campo e provare a inseguirli su questo terreno sarebbe stata una competizione impari. Oggi, però, facciamo un'eccezione. La seconda in stagione, dopo l'articolo dedicato alla marcia trionfale dell'Africo che ha riconquistato, al termine della stagione regolare, il campionato di Promozione.

Nomina dei nuovi Dg, coro di approvazione da parte dei capigruppo di maggioranza in consiglio regionale

on . Postato in Politica

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Passo dopo passo, il progetto di cambiamento di Oliverio continua senza sosta. La risoluta scelta di Mario Oliverio nel voler guidare la Regione Calabria fuori dal pantano burocratico-amministrativo che da troppo tempo le impedisce la necessaria dinamicità a sostegno dell'indirizzo politico ha, in questi mesi, condotto ad una serie di provvedimenti atti a rimuovere incrostazioni e incompetenze, principale causa della macchinosa azione operativa.

Don Ciotti e il suo intervento politico

on . Postato in In primo piano

di Gianluca Albanese (foto e video di Enzo Lacopo)

SIDERNO - Parole che picchiano più del sole, fortissimo, che ha illuminato lo spiazzo in cui ha avuto luogo la giornata del ricordo delle Vittime di mafia, denominata "Le radici della memoria"; parole che hanno sicuramente suscitato qualche fremito negli abiti, nelle fasce tricolori, nei capelli e soprattutto nelle coscienze dei presenti. Don Luigi Ciotti, il fondatore e leader di "Libera" non le ha mandate a dire nel concludere la mattinata de "Le radici della memoria". Il suo è stato, soprattutto nella seconda parte, un intervento politico. Nell'accezione più pura del termine. 

Daniela Ferraro: «Il Giugno Locrese scippato alla mia famiglia dall'amministrazione comunale»

on . Postato in In primo piano

di Daniela Ferraro*

LOCRI - Era il lontano 1945 e tre locresi si riunivano in una casetta del Rione Sbarre di Locri per stendere quello che sarebbe stato “Il Giugno Locrese” col programma - ritenuto allora ardito- delle sue manifestazioni culturali, artistiche, folkloristiche e sportive. Come si legge nell’atto notarile di nascita, “ Fondatore e Presidente vitalizio è il Comm. Prof. Avv. Umberto Ferraro, segretaria e vice presidente è la Cav. Uff. Maria Mileto, membro il poeta Franco Montalto Jerocades. Ben presto il comitato si sarebbe arricchito di nuovi insigni membri scelti accuratamente tra le personalità più in vista della Locride tra cui il Prof. Gaudio Incorpora, insigne storico e letterato della zona.

'Ndrangheta: torna in carcere il presunto boss Salvatore Macrì

on . Postato in Cronaca

di Questura di Reggio Calabria 

Nel pomeriggio di ieri, in Siderno, personale della Squadra Mobile di Reggio Calabria ha proceduto all’arresto di MACRI' Salvatore, cl. 49, di Siderno, in esecuzione dell’Ordinanza emessa in data 21.5.2015 dal Tribunale di Reggio Calabria Sezione del Riesame, che di fatto ha ripristinato l’efficacia dell’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Reggio Calabria nell’agosto 2014 e per effetto della quale il predetto fu arrestato nell’ambito dell’operazione denominata “La morsa sugli appalti pubblici” condotta anch’essa dalla Squadra Mobile, poiché ritenuto responsabile, di avere fatto parte della cosca di ‘ndrangheta“COMMISSO” di Siderno.

Focus ''ndrangheta: resoconto dell'ultima settimana di attività

on . Postato in Cronaca

di Questura Reggio Calabria

Anche questa settimana, in Reggio Calabria e Provincia, nell’ambito del piano di azione nazionale e transnazionale “Focus ‘ndrangheta”, sono stati realizzati servizi integrati di controllo del territorio e di polizia giudiziaria che hanno visto l’impegno complessivamente di 2 equipaggi dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, 1 equipaggio della Squadra Mobile, 43 equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Calabria, 3 equipaggi del Commissariato di P.S. di Bovalino, 2 equipaggi del Commissariato di P.S. di Siderno, 4 equipaggi del Commissariato di P.S. di Condofuri, 2 equipaggi del Commissariato di P.S. di Taurianova, 2 equipaggi della Polizia Scientifica dei Commissariati di Gioia Tauro e Siderno, nonché personale e mezzi del V° Reparto Volo di Reggio Calabria.

Laganà assolta in Appello, felicitazioni da parte del Pd provinciale

on . Postato in Politica

di Partito Democratico Reggio Calabria

L’assoluzione della dottoressa Laganà, accusata del reato di tentato abuso d’ufficio, falso e tentata  truffa nella qualità di vicedirettore sanitario dell’Ospedale di Locri, non può che essere accolta con piena soddisfazione da parte della federazione provinciale del Partito Democratico di Reggio Calabria. Con coerenza e dignità, l’ex parlamentare locrese, si è sottoposta al giudizio degli organi preposti, attendendone e rispettandone gli esiti, grado per grado. 

L'angolo acuto

CARO PEPPONE

Caro Peppone, la cosa bella è che dopo la tua virata di 180°, giunta con 36 ore (!) di ritardo rispetto alla prima, ed eclatante, uscita, ieri, gli "alti prejati" erano proprio, per usare le tue parole, «...ciarlatani, opportunisti e populisti di cui, anche all'interno del Partito Democratico, ahimè, v'è ampia traccia».

Non tutti, per carità, ma qualcuno ha perso, ancora una volta, l'occasione di tacere.

15 gennaio 2015